31 agosto 2008

Compleanno di Marcello









Insalata di scampi con panelle

30 agosto 2008

Gelato all'olio extravergine di oliva

Ricetta di Palmiro Bruschi con il quale ho fatto un appassionante corso sul mondo del gelato e dei sorbetti.

Finalmente mi è arrivata la gelatiera del Ken, e anche se ancora non ci ho preso la mano (...è dura leggere le istruzioni, ho un'avversione innata per tutto quanto "sta scritto" su uso e manutenzione...) e quello che ne esce non sono veri e propri gelati...non demordo, perchè quello che ho visto fare al corso proprio con questo attrezzo era mitico, quindi...ho fiducia e speranza di poterci riuscire anch'io!!!
Questo è un gelato strano ma coinvolgente, dal sapore penetrante appena fatto, ma se lasciato riposare nel freezer qualche giorno si affievolisce e si addolcisce.
Meglio usare un olio "gentile" e delicato.



INGREDIENTI:

1000g di latte
200g di olio
200g di zucchero
10g di sale grosso*

*io uso il Fleur de Sel

Scaldare 400g di latte con lo zucchero e il sale e scioglierli bene.
Aggiungere al composto il restante latte freddo, lasciare raffreddare bene e poi unire l'olio.
Amalgamare bene con un minipimer e trasferire nella macchina del gelato per il tempo sufficiente a mantecarsi.
Io l'ho servito come accompagnamento all 'Insalata di polpo invece del tradizionale sorbetto.

Polpo in insalata

Ma quanto ci piacciono i polpi?
Tantissimo, sia pescarli che comprarli in pescheria!
E quest'estate stiamo facendo una grande scorpacciata di entrambi!
Il modo più semplice e tradizionale è farlo nella cosidetta "insalata", anche se a me piace ogni volta aggiungerci qualcosa di nuovo, o inventarmelo con quello che offre il frigo.

Per il compleanno di Marcello "l'insalata di polpo" è venuta così.

INGREDIENTI:

polpo
sedano
carote
fagioli borlotti in scatola
patate
qualche frutto di cappero
vongole
olioextravergine di oliva
sale/pepe
succo di limone
un paio di spicchi di aglio
prezzemolo tritato

Lessare il polpo in acqua bollente aromatizzata con alloro, qualche grano di pepe, carota, sedano e un goccio di vino bianco. Scolarlo e lasciarlo intiepidire. Quindi tagliarlo a pezzetti e condirlo con un'emulsione di olio e limone, salare e pepare e cospargere con un trito di prezzemolo.
Nel frattempo, pulire e tagliare a rondelle le carote e lessarle al dente in acqua salata, pulire e tagliare a pezzetti le patate e lessarle al dente.
Pulire e tagliare il sedano a fettine, sciacquare i fagioli e scolarli bene.

Preparare le vongole: dopo averle spurgate e battute, fare un soffritto con olio, aglio e prezzemolo tritato, buttare le vongole e spadellarle un minuto, sfumare con un goccio di vino bianco, mettere il coperchio e lasciar cuocere 5 minuti finchè si aprono bene.
Riunire il polpo e le verdure in un vassoio, condire ancora con un po' di olio e succo di limone, aggiustare di sale e pepe e servire mettendo le vongole a corona intorno al polpo.
Peccato che la foto finale con la corona di vongole non sia riuscita bene, sigh!
Questa preparazione si presta molto bene ad essere accompagnata con del gelato all'olio extravergine di oliva, magari servito nel guscio di cappasanta.

Altre ricette col polpo:

Insalata di farro e polpo con frutta e verdure marinate, un polpo insolito, fresco e colorato

Cavatelli al sugo di polpo

27 agosto 2008

Panelle


English recipe here



Le Panelle sono delle frittelle a base di farina di ceci e sono una specialità gastronomica siciliana, in particolare della provincia di Palermo. Si possono aromatizzare a piacere, classico l'abbinamento con prezzemolo tritato, sono uno stuzzichino simpatico e possono essere proposte anche come aperitivo. Io le ho abbinate al classicissimo Cocktail di Scampi.
Fanno parte dei cibi "da strada" perchè possono essere acquistate in tantissime friggitorie, anche ambulanti, dove vengono servite in mezzo a panini con sesamo rotondi e morbidi, accompagnandole spesso ad altre specialità fritte.

INGREDIENTI:

500g. di farina di ceci
1 litro e mezzo di acqua
sale/pepe
olio extravergine di oliva
olio per friggere

Setacciare la farina di ceci e versarla in una casseruola dai bordi alti, meglio se antiaderente.
Unire l'acqua a freddo poco alla volta, mescolando bene con una frusta per non fare grumi.
Aggiungere anche un cucchiaio di olio e mettere sul fuoco cuocendo finchè l'impasto si stacca bene dai bordi della pentola (mescolando ogni tanto sempre per evitare grumi).
Versarlo su un tavolo di marmo precedentemente unto, o in un grande vassoio unto, e stenderlo in uno strato di un centimetro di spessore. Lasciare raffreddare bene (io l'ho fatto la mattina per la sera e una volta freddo l'ho coperto con pellicola), ritagliare dei rombi o dei triangoli e friggerli brevemente in abbondante olio bollente. Scolare su carta assorbente e servire subito.


Questa ricetta partecipa al BBD#13 ospitato da Jude.

26 agosto 2008

Olimpiadi di Pechino



Si sono concluse le tanto criticate Olimpiadi tenutasi a Pechino.
Al di là di ogni polemica e di ogni retorica, onore al merito ai nostri atleti azzurri che ancora una volta hanno saputo regalarci splendide emozioni e momenti magici di vera gloria.

8 ori, 10 argenti e 10 bronzi, così suddivisi:

Oro: 
- Matteo Tagliariol, scherma (spada)
- Giulia Quintavalle, judo (57 kg)
- Valentina Vezzali, scherma (fioretto)
- Federica Pellegrini, nuoto (200 stile libero)
- Chiara Cainero, tiro a volo (skeet)
- Andrea Minguzzi, lotta greco-romana (84 kg)
- Alex Schwazer, marcia 50 km
- Roberto Cammarelle, pugilato (supermassimi)
Argento: 
- Davide Rebellin, ciclismo (strada - prova in linea)
- Giovanni Pellielo, tiro a volo (trap)
- Marco Galiazzo, Ilario Di Buò e Mauro Nespoli, tiro con l'arco (squadre)
- Francesco D'Aniello, tiro a volo (double trap)
- Alessia Filippi, nuoto (800 stile libero)
- Luca Agamennoni, Rossano Galtarossa, Simone Raineri e Simone Venier, canottaggio (4 di coppia)
- Alessandra Sensini, vela (Rs:x)
- Mauro Sarmiento, taekwondo (80 kg)
- Josefa Idem (K1 500)
- Clemente Russo, pugilato (91 kg)
Bronzo: 
- Tatiana Guderzo, ciclismo (strada - prova in linea)
- Margherita Granbassi, scherma (fioretto)
- Salvatore Sanzo, scherma (fioretto)
- Matteo Tagliariol, Alfredo Rota, Diego Confalonieri e Stefano Carozzo, scherma (spada a squadre)
- Valentina Vezzali, Margherita Granbassi e Ilaria Salvatori, scherma (fioretto a squadre)
- Aldo Montano, Luigi Tarantino, Giampiero Pastore e Diego Occhiuzzi, scherma (sciabola a squadre)
- Diego Romero, vela (laser)
- Elisa Rigaudo, atletica (marcia 20 km)
- Vincenzo Picardi, pugilato (51 kg)
- Andrea Facchin, Antonio Scaduto (K2 1000)


Le foto più belle di Pechino 2008

Il medagliere finale


Arrivederci a Londra 2012!

24 agosto 2008

Grissini al kamut e mais - BBD # 13

Un grissino diverso, dal sapore delicato per la presenza del burro, ma saporito da 3 tipi diversi di farina: kamut, semola e mais.


INGREDIENTI:

200g.di farina di kamut
50g.di semola di grano duro rimacinata
50g.+30g.di farina di mais
150g. di acqua
30g. di burro morbido
10g. di lievito di birra
8g.di sale
paprica dolce
olio extravergine di oliva


Sciogliere il lievito nell'acqua e impastare con la farina di kamut e semola formando un panetto. Lasciarlo lievitare fino al raddoppio, quindi impastarlo con 50g. di farina di mais, il burro, un cucchiaino di paprica (se preferite i gusti forti potete sostituirne metà con quella piccante) e il sale. Formare un filone piatto, spennellarlo di olio e ricoprirlo di farina di mais. Lasciarlo lievitare coperto per un'oretta. Tagliare il filone a fettine, passarle sotto i palmi delle mani sulla spianatoia spolverizzata di farina di mais e formare dei lunghi bastoncini. Adagiarli sulla teglia del forno ricoperta da carta forno e cuocere a 200° per circa 15/20 minuti, finchè belli dorati e croccanti.

Questa ricetta partecipa al BBD#13 ospitato da Jude.



KAMUT AND CORN GRISSINI


Ingredients:

200g. kamut flour
50g. durum wheat flour (semolina)
50g.+30g. corn flour
150g. water
30g. soft butter
10g. yeast
8g. salt
sweet paprika
extravirgin olive oil



Melt yeast in water and knead with kamut flour and semolina. Leave it raise until doubled, then add 50g. corn flour, soft butter, a teaspoon of paprika (if you like you can add also half teaspoon of hot paprika) and salt. Knead all together forming a flat roll, brush it with oil and cover it with some corn flour. Leave to rise covered for an hour. Cut the roll into slices, roll them under the palms of the hands on the pastry-board dusted with corn flour and form long sticks. Put them on the baking tray (covered with baking paper) and cook at 200° for about 15/20 minutes, until golden and crisp.

This recipe participate to BBD#13 hosted by Jude.

Filoncini alle erbe aromatiche

Ricettina facile e superveloce da realizzare con l' aiuto del nostro benamato Bimby, ma che si può tranquillamente fare anche a mano o con altra impastatrice, impastando bene gli ingredienti e battendo l'impasto finchè diventa bello morbido ed elastico.

Un grazie a Nilla per i suoi suggerimenti.


INGREDIENTI:

700g. di farina di forza
450g. di acqua
50g. di olio extravergine di oliva
25g. di lievito di birra
20g. di sale
15g. di zucchero

erbe aromatiche: rosmarino, salvia, timo, maggiorana
sale grosso*
olio extravergine di oliva

*io uso il Fleur de Sel (fiore di sale) che potrebbe essere considerato il primo ministro dei sali. Questo sale marino artigianale è contenuto nei cristalli “giovani„ che si formano naturalmente sulla superficie degli stagni di evaporazione del sale. Sono raccolti a mano nelle condizioni atmosferiche specifiche dai tradizionali "Paludiers" (coltivatori del sale). Il vero Fleur de Sel viene dalla regione di Guérande della Francia. Come le diverse regioni del vino, le varie zone differenti all'interno della Guérande producono sali con i loro propri sapori e profili unici nell'aroma. Usi: ideale per le insalate, la verdura fresca cucinata e le carni cotte.
Ci sono produzioni di Fleur de Sel anche in Portogallo e limitatamente anche in alcune saline siciliane.



Con lame in movimento a vel. 4 inserire le erbe aromatiche e tritare a Turbo per 20 secondi, mettere il trito in una ciotola e ricoprirlo di olio.
Senza risciacquare il boccale mettere acqua, lievito e zucchero: 1 minuto 40° vel. 3.
Aggiungere, quindi, l'olio, la farina e il sale: impastare 1 minuto vel. 6 e poi 1 minuto e mezzo Spiga, se occorre aggiungere un paio di cucchiai di farina.

Far lievitare l'impasto in una ciotola unta e coperta per un'ora.

Versarlo quindi sulla spianatoia infarinata, formare un rotolo e tagliarlo in 6 pezzi.

Formare 6 filoncini piatti, adagiarli sulla teglia ricoperta di carta forno, appiattirli con le mani facendo dei buchetti coi polpastrelli, spennellarli col mix di olio e aromatiche e cospargere di sale grosso. Infornare a 210° per 20 minuti circa.

Quando escono dal forno, spennellarli ancora con l'olio aromatizzato.

Nel cestino insieme ai grissini al kamut e mais

23 agosto 2008

Focaccia frizzante!

Quando non ho voglia di fare il pane, quando ci piace avere qualcosa di morbidoso da imbottire, quando ho poco tempo a disposizione, quando devo portare qualcosa a qualche scampagnata fra amici, ecco che faccio la focaccia frizzante di Luca, boss del forum di Cookaround, dove ogni tanto anche io dico la mia!
Morbidissima e altissima, è molto facile da fare, utilizzando un impasto base per pizza ma impastando con acqua frizzante.


INGREDIENTI:

1kg. di farina 0
600g. di acqua frizzante a temperatura ambiente
30g. di olio extravergine di oliva
20g. di sale
15g. di lievito di birra


Sciogliere il lievito in un po' di acqua e quindi impastare con la farina e l'olio, meglio in una macchina impastatrice a velocità bassa per un buon 10 minuti.
Aggiungere quindi il sale e impastare per altri 10 minuti, alzando leggermente la velocità gli ultimi minuti. Se occorre, aggiungere ancora un cucchiaio o due di farina.
Deve risultare un impasto bello morbido.
Oliare una teglia da forno (30x40), adagiarci la pasta e lasciarla riposare mezzoretta coperta.
Stendere quindi la pasta, bucherellare coi polpastrelli e lasciarla lievitare coperta per un'ora.
Quindi, se occorre, delicatamente rifare qualche buco, spennellare con un mix di acqua e olio e spolverare leggermente di sale fino.
Infornare e cuocere a 200/220° per circa 25 minuti.

Puliamo il mondo - Legambiente e Ikea

IKEA FAMILY si è unita a una serie di altre aziende per proporre tante offerte vantaggiose su una serie di prodotti e servizi esterni a IKEA.





PULIAMO IL MONDO
26-27-28 settembre 2008

IKEA sostiene l'evento e invita tutti a scendere in piazza e condividere il suo impegno per "un mondo più pulito". Aiutaci a combattere il degrado riqualificando le aree urbane e valorizzando gli ambienti naturali. Scopri quali sono le strutture che aderiscono all’iniziativa, contatta quella più vicina a te per organizzare il tuo impegno per l'ambiente.
I partecipanti riceveranno un utilissimo vademecum con informazioni su come pesare meno sull'ambiente e un coupon che permetterà ai soci IKEA FAMILY di avere uno sconto del 15% sui prodotti IKEA per la raccolta differenziata, da spendere in ottobre salvo esaurimento scorte.

Qui tutti i dettagli.

Attivatevi subito per una più attenta differenziazione dei rifiuti e diventate portavoce, tra i vostri amici, colleghi e parenti, di uno stile di vita più rispettoso dell'ambiente. Il pianeta ve ne sarà grato.

Se volti le spalle al problema, stai tornando indietro!

Per aderire come volontario, consultate il sito www.puliamoilmondo.it.

22 agosto 2008

"Una noce di burro"

Una noce di burro
di Carla Pejrone e Simonetta Vanni d'Archirafi
Edizioni Blu s.r.l.


Due amiche giramondo hanno messo a punto una serie di menu per tutte le occasioni: da informali riunioni famigliari a improvvisate cene con gli amici, dai momenti più tradizionali ai ricevimenti più impegnativi.
Sono entrambe quindi abituate a fronteggiare sorprese e imprevisti, e a mettere a tavola gruppi numerosi. Le loro ricette provengono dalla tradizione di casa, ma si arricchiscono anche delle esperienze gastronomiche dei diversi Paesi in cui hanno vissuto.
Il libro è diviso in due parti.
I menu di Carla, suddivisi in estivi e invernali, sono più legato alla stagionalità dell'orto e alla facilità e rapidità di esecuzione.
Quelli di Simonetta sono più elaborati e di grande effetto, particolarmente adatti a occasioni importanti.
Tutti i menu, che sono naturalmente intercambiabili e combinabili fra loro, sono stati più volte testati dalle autrici e dai loro fortunati ospiti, fino a risultare di assoluta affidabilità.
Il libro è accompagnato dalle presentazioni di Ernesto Ferrero e Paolo Pejrone, che hanno più volte felicemente sperimentato di persona la squisita ospitalità delle due autrici e la bontà dei loro piatti.

Carla Pejrone, torinese, fa parte di una grande famiglia patriarcale (è sorella di Paolo, famoso architetto di giardini). Dopo aver studiato canto al Conservatorio G. Verdi di Torino ed essersi perfezionata a Venezia, ha vissuto a lungo a Johannesburg, in Sudafrica. Ha quattro figli e otto nipoti sparsi per il mondo. I viaggi sono sempre stati la sua grande passione, insieme alla cucina e al giardinaggio. E' socia dell'Accademia Italiana della Cucina e dell'Accademia Piemontese del Giardino.

Simonetta Vanni d'Archirafi, romana, due figli, ha seguito il marito ambasciatore in prestigiosi sedi diplomatiche, dalla Germania al Belgio, dall'Argentina molto amata alla Spagna. Una lunga esperienza che le ha consentito di fare proprie le tradizioni gastronomiche di vari Paesi, adattandole a pranzi importanti e occasioni ufficiali. Appassionata di restauro di mobili e cornici, vive tra Roma, Orvieto e l'Elba.

Ho avuto il piacere di conoscere Carla Pejrone, e di venire a conoscenza di questo suo libro, semplice ma "gustoso", un sicuro valido aiuto in momenti di crisi di idee, ma anche un modo per rivivere momenti felici di convivi e riunioni a tavola, che sempre e in ogni luogo facilitano incontri e dialoghi, propiziano relazioni, consolidano sentimenti e affetti.

Crostata di marmellata


Ho voluto provare la crostata che Carla Pejrone riporta nel suo libro.

L'avevo già assaggiata all'Elba a cena da amici e mi era piaciuta, leggendo poi le dosi mi ha invogliato ancora di più per l'uso moderato del burro, sostituito in parte da olio extravergine di oliva. Penso che la farò spesso, è andata a ruba sia con la marmellata di fichi che con quella di more.





INGREDIENTI:

300g di farina bianca
100g di zucchero
1 uovo intero + 1 tuorlo
100g di burro
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
300g di marmellata a piacere


Sulla spianatoia impastare la farina con lo zucchero, l'olio, l'uovo e il burro ammorbidito, lavorando l'impasto il meno possibile, fino a che il tutto stia insieme. Avvolgere nella pellicola e lasciare riposare mezzoretta in frigo. Imburrare e infarinare una teglia (io uso carta forno), stendere la pasta con il bordo leggermente rialzato, versare la marmellata scelta, (in questo periodo uso quella di fichi) e spalmarla uniformemente. Decorare con delle strisce di pasta formando dei piccoli riquadri. Riscaldare il forno a 180° e cuocere per 30/35 minuti.
Volendo si può spennellare la pasta con il tuorlo d'uovo.

Alle volte arricchisco le crostate con degli amaretti sbriciolati sulla base, oppure con delle mandorle tritate sopra la marmellata: alle volte non perdo tempo a fare la grata di decorazione ma sbriciolo la frolla avanzata sopra.

Questa ricetta partecipa alla raccolta di Cuor di Panna "Delizia di iuna crostata"

Marmellata di fichi

Questa è' la ricetta casalinga della marmellata di fichi della mia amica Tina, fatta sempre con tutti i frutti che ogni anno raccoglie in questo periodo dal campo sotto casa.

Personalmente non l'ho mai fatta, perchè qua in casa non ne vanno pazzi, ma la prossima raccolta di fichi proverò sicuramente, quest'anno mi sono dedicata a conservarli brasati.




INGREDIENTI:

1 kg. di fichi ben maturi
800 g. di zucchero

Pulire bene i fichi, lavandoli velocemente ed asciugandoli bene.
Tirare via il picciolo e tagliarli a pezzi, mettendoli mano a mano nella pentola su fuoco basso.
Quando saranno tutti in pentola, rigirarli un attimo e poi aggiungere lo zucchero, farlo sciogliere bene e cuocere per 2/3/4 ore a seconda della consistenza voluta. Se per caso dobbiamo allontanarci da casa, basta spegnere la marmellata, coprirla e lei continuerà a cuocere ancora per un po'. Una volta ritornati, si può riaccendere e finire la cottura.
Invasare a caldo nei barattoli (sterilizzati per un'ora a 120° in forno), capovolgerli e coprirli con un panno fino a completo raffreddamento.

18 agosto 2008

Andar per fichi...a Milano!

Sabato scorso siamo dovuti andare a Milano per un improvviso impegno di lavoro e con l'occasione ci siamo fermati a salutare una coppia di cari amici che trascorrono sempre con noi le vacanze all'Elba. Un pomeriggio tranquillo, seduti in terrazza a ciacolare in compagnia di tè e caffè. Gli uomini intenti nei loro discorsi "seri" sulle ultime novità tecnologiche e gli ultimi aggiornamenti finanziari, noi ragazze più sciolte a parlare dei sospirati saldi dei saldi, delle ultime letture o films visti, delle reciproche imprese culinarie... ed ecco apparire magicamente un barattolo della mitica marmellata di fichi della Tina, regalo consueto di ogni fine estate, sempre gradito e apprezzato.
E allora...perchè non approfittare per fare una grande scorpacciata di fichi?
Sì, perchè...nonostante l'aria di città...a Milano i fichi crescono molto bene!!!

Nonostante i palazzoni sorti come funghi, ci sono ancora piccoli paradisi di campi volutamente dimenticati o protetti, dove qualcuno può concedersi un orticello, e dove magnifici esemplari di fichi, che sembrano fare a gara coi palazzoni circostanti per l'altezza troneggiano indisturbati e felici, e sanno offrire ai più impavidi raccoglitori abbondanza di frutti...

E allora...si sfidano le ortiche, gli innocui ma poco attraenti "carbonassi", le api che ronzano intorno a tanta dolcezza, il latte appiccicoso che incolla le mani, si mollano i tacchi per un paio di scarpe comode e via...a fare 'na seciata de fighi!!!



E poi di corsa a casa al lavoro!!!
Se ne può fare:

- un'ottima marmellata, che diventa indispensabile per la più classica crostata
- uno simpatico stuzzichino da aperitivo come ha preparato Nadia per Ferragosto
- una favolosa crostata al formaggio come ci ha deliziato Daniela
- si possono conservare brasati da gustare poi in pieno inverno con un bel tagliere di formaggi

17 agosto 2008

Mini-sandwich al cetriolo

Ricettina fresca e nuova per me, l'ho gustata e apprezzata qualche giorno fa.
Un grazie a Paola per i suoi suggerimenti!



INGREDIENTI:

pane a fette da tramezzini
un cetriolo*
formaggio Philadelphia
paprika dolce(sale
semi di papavero

Ricoprire una fetta di pane col Philadelphia.
Adagiarci sopra con doppio strato di fettine sottilissime di cetriolo (usare la mandolina, vengono perfette!), un pizzico di sale, ricoprire con un'altra fetta di pane spalmata di Philadelphia, spolverizzare con la paprika, mettere un'altra fettina di cetriolo e terminare con una spolveratina di semi di papavero (li metterei ovunque!).
Tagliare a riquadri e conservare in frigo coperti fino a poco prima di portarli in tavola guarnendoli con uno stuzzicadente ognuno.

* se si usano i nostri cetrioli, meglio sbucciarli, quelli "tedeschi" con buccia fina e più chiara sono dolci e possono essere usati con buccia.
Un accorgimento per i nostri cetrioli che mi ha insegnato tanti anni fa la mia amica Rossana: una volta tagliate le estremità al cetriolo, strofinarle girando in tondo sulla parte tagliata del cetriolo finchè si forma una "schiumetta", in questo modo si renderanno più digeribili e più dolci.

16 agosto 2008

"Spago col ton" - Un piatto per gli amici

Un classico e facile spaghetto, ma che per noi ha un significato e un gusto particolare!
E' una tradizione culinaria iniziata per caso, dopo una serata godereccia trascorsa in allegra, allegrissima compagnia anni fa. Dopo la cena dal Tino, allora il suo ristorante era proprio in riva al lago a Torri, ci siamo ritrovati in giardino da me per l'ultimo "bicchierino", l'ultima ciacola, l'ultima risata ... e in un battibaleno ci siamo accorti che erano quasi le 3 di notte ...
Un piccolo languorino iniziava a farsi sentire .... Martino lancia la proposta di uno spaghetto...chi dice sììììì .... chi dice no, daiiiii .... chi dice ma, peròòòò .... chi fa finta di non sentire .... intanto l'acqua era già stata messa provvidenzialmente sul fuoco e si intravedevano le prime bollicine nel pentolone ...
Scartato l'evergreen "aglio, olio, peperoncino", la dispensa non offriva gran che ... ma ... la scatola di tonno non manca mai, è una di quelle cose tipiche da
"razione K", un salvavita naturale che può accompagnare molti piatti facendo sempre la sua ottima figura!
E da allora .... W lo "spago col ton"!!! ... ancora adesso chiude felicemente le serate più lunghe e animate di qualche ricorrenza, oppure ricopre un ruolo da protagonista nella serata a lui dedicata!
INGREDIENTI:

spaghetti
tonno in scatola di buona marca
salsa di pomodoro o pomodori freschi maturi
una cipollina
un paio di spicchi di aglio
basilico e rosmarino
olio extravergine di oliva
sale/pepe

Fare un leggero soffritto con la cipolla tagliata finemente, aggiungerci poi anche l'aglio intero, sbucciato e schiacciato col palmo della mano. Lasciare imbiondire e poi aggiungere la salsa di pomodoro (o i pomodori maturi frullati). Aggiungere anche il basilico e un rametto di rosmarino, salare e pepare. Nel frattempo portare l'acqua a bollore per gli spaghetti.
Restringere un pochino il sugo: il tempo di cottura dipende dalla consistenza della salsa usata.
Alla fine togliere l'aglio e il ramettodi rosmarino e aggiungere il tonno spezzettato, lasciare insaporire solo un minuto e togliere dal fuoco.
Cuocere gli spaghetti al dente, scolarli e spadellarli velocemente col sugo.
A piacere si può aggiungere un trito di basilico/prezzemolo fresco.


E ora mi è venuta un'altra idea!!!

Poter creare insieme a voi una raccolta dei piatti che solitamente cucinate per i vostri amici, o che loro ve ne fanno particolare richiesta.

Ecco le regole del gioco:
  1. pubblicare nel proprio blog la ricetta e lasciare il link della ricetta come commento a questo post
  2. valgono anche ricette già pubblicate
  3. valgono anche ricette di non-bloggers, nel qual caso si deve inviare la ricetta con foto via mail a cmc@cindystar,it
  4. termine di scadenza: 30 settembre 2008
E questo è un allegro e divertente banner per pubblicizzare l'iniziativa!




Il codice da copiare per linkare il banner è:







Ora tocca a voi ... invitate i vostri amici alla vostra tavola nei prossimi giorni!!!

15 agosto 2008

Ferragosto insolito

E' stato un Ferragosto insolito quest'anno...nessun festeggiamento particolare perchè personalmente reduce da una noiosa e improvvisa influenza estiva che mi ha reso deboluccia e apatica per qualche giorno.. Culinariamente parlando avevamo già festeggiato con gli "amici del lago" a inizio settimana con una bella cena nata sulla nostra tradizione godereccia dello "spago col ton", culminata con un gran botto e show finale di fuochi di artificio che, come ogni anno, non riusciamo mai a gustarceli appieno durante le vacanze natalizie e ce li trasciniamo fino ad Agosto!
Quindi, le pance erano già piene e non abbiamo sentito la mancanza del tradizionale buffet!
La giornata mi è stata allietata, a sorpresa, da una piccola poesiola che il mio ultimo bocia ha voluto dedicarci...non so come gli sia partita questa vena artistica...certo è che mi ha meravigliato e commosso alquanto, anche con lacrimuccia!




Il mondo è crudele come tutti i carnivori,

e metto un gesto d'amore per tutti quelli che amo.
L'amore è tenero come una margherita.
L'amore è dolce come il fiore del ciliegio.
L'amore è amante per tutti noi.
L'amore serve a chi si sposa.

Mamo Cortella

09 agosto 2008

Invito a partecipare: Frutta Party

Ferragosto è alle porte e il tempo quest'anno ci sta regalando una bella estate calda e assolata.

E così mi è venuta un'idea: rinfreschiamola e rallegriamola con un colorato e invitante Frutta Party da trascorrere virtualmente insieme!


Dopo un tuffo in piscina, una corsa sulla spiaggia, una camminata fra i monti, una siesta all'ombra di un albero frondoso, facciamo il pieno di energia e vitamine: aperitivi, cocktails, stuzzichini, finger food, insalate, carne e pesce in insolite combinazioni, dolci classici o rivisitati, gelati, budini, sorbetti ...tutto ciò che la nostra fantasia e la nostra frutta preferita sapranno ispirarci saranno delizie da condividere e gustare con gioia!



Le mie leccornie sono già pronte sul buffet:

- un dissetante Summer Breeze al cocomero
- spiedini di formaggio con Insalata di ananas
- Insalata di farro e polpo con frutta e verdure marinate
- fresche e colorate cheese-cake nel bicchiere

E voi... cosa vorreste far assaggiare ai vostri amici di blog?

Per partecipare:

1. Pubblicare un post, possibilmente con foto, di una ricetta con frutta, entro il 31 agosto 2008 (valgono anche ricette già pubblicate).
2. Il post dovrebbe contenere un link a questo invito.
3. Scrivermi una email a cmc@cindystar.it con soggetto "Frutta Party", includendo anche:

* proprio nome
* nome e URL del blog
* nome della ricetta e link del post che la contiene
* città / regione e paese


Se volete promuovere questo evento potete includere questo banner nel vostro blog copiando il codice allegato:






La raccolta completa delle ricette sarà pubblicata ai primi di Settembre.


BUON FERRAGOSTO!!!



Mid August (Ferragosto) is a traditional holiday all over Italy, representing the very heart of Summer. It's also a Christian festivity, Assumption Day, with celebrations dedicated to Virgin Mary. In quite all towns all celebrations end around midnight with a big fascinating fireworks shows.

I suggest to my friends bloggers a lovely refreshing and coloured Fruit Party to join virtually all together!




So, after jumping in the pool, running on the shore, walking on the mountains, or simply having a siesta under the shadow of a tree, let's get plenty of energy and vitamins: appetizers, cocktails, fingerfood, snacks, salads, meat and fish in unusual combinations, classic cakes or new ones, ice-creams, jellies, ... everything you like most and everything your favourite fruit will inspire your fantasy could be delightful to join and taste together!



My "summer kitchen" for you:

- a refreshing Watermelon Summer Breeze
- cheese skewers with Pineapple Salad
- Farro and Octopus Salad with fruit and marinated vegetables
- lovely and coloured cheese-cake glasses

And you... what would you like to offer to your blog friends?

How to participate:

1. Post a recipe with fruit, take pictures (if possible) before 31 August 2008 (you can link a recipe already blogged)
2. Your post should include a link back to this post.
3. Email me at cmc@cindystar.it with the subject line of Frutta Party, and include:

* your name
* your blog’s name and your blog’s URL
* the recipe name and the post’s URL
* your hometown/region and country



Please feel free to promote the event by sticking the logo on your blog and copying the code:






The roundup will be ready the first week of September.


A GREAT TIME TO EVERYBODY!!!

Template Design | Elque 2007