28 giugno 2009

Rumtopf, lo facciamo insieme? WHB # 189


I tedeschi e gli austriaci lo chiamano Rumtopf, il grande Pellegrino Artusi la chiamava frutta in guazzo, di cui ancora ci lascia la ricetta come segue:

"A chi piace le frutta in guazzo, può riuscire gradito il seguente modo di confezionarle. Cominciate dalle prime che appariscono in primavera, cioè: dalle fragole, dal ribes e dai lamponi, e ponetene in un vaso 50 o 100 grammi per sorta; copritele con la metà del loro peso, di zucchero e tanta acquavite o cognac che le sommerga. Poi proseguite con le ciliegie, le susine, le albicocche, le pesche, tutte private del nocciolo e, all'infuori delle ciliegie, tagliatele a fettine, aggiungendo sempre in proporzione zucchero ed acquavite.
Potete mettervi anche uva spina, uva salamanna e qualche pera gentile; ma poi assaggiate il liquido per aggiungere zucchero od acquavite, a tenore del vostro gusto. Formato il vaso, lasciatelo in riposo per qualche mese prima di servirvene".

E' un modo simpatico e per niente difficile per conservare la frutta, zuccherata e macerata nel rum secondo il metodo tedesco, nel bourbon come da tradizione francese, o anche nel brandy o altro preparato liquoroso ad almeno 40% di gradazione alcolica.
Usando il rum l'ideale sarebbe il Pott 54%, ma qua in Italia è molto difficile da trovare per cui ci si può benissimo arrangiare con un buon rum di qualità e rigorosamente scuro.
Si inizia a primavera inoltrata con le fragole, proseguendo poi durante tutta l'estate aggiungendo i vari tipi di frutta mano a mano che maturano.
Tutta la frutta va pulita, lavata e asciugata, pelata e tagliata a pezzi se necessario, zuccherata e posta nel contenitore apposito. Non occorre comprarne uno originale se non l'avete (io l'ho ricevuto come dono di nozze e allora non sapevo neanche a cosa servisse!), basterà usare un vaso grande di vetro (avvolto con l'alluminio per non far penetrare la luce), sigillato bene con della pellicola trasparente sotto al tappo (quest'accortezza anche usando un contenitore originale) in modo da preservare tutto l'aroma della frutta ed evitare l'evaporazione del rum.
Sul sito di Fantes, dove vendono dei bellissimi contenitori originali, suggeriscono di seguire quest'ordine di frutti:

Fragole: lavate, senza picciolo, a metà le più grandi.
Ciliegie: lavate, senza picciolo, con o senza nocciolo a piacere.
Lamponi e Mirtilli: selezionati accuratamente ma non lavati.
Ribes rosso: lavato bene ed eliminando i piccioli con una forchetta.
Albicocche e Pesche: sbollentate un attimo, pelate e denocciolate, tagliate in quarti (non pelerò le albicocche)
Melone: pelato, senza i semi e tagliato a pezzi.
Prugne: lavate, senza picciolo, tagliate a metà, con o senza buccia e nocciolo a piacere.
Pere: pelate, tagliate in quarti o ottavi.
Uva: lavata bene e senza graspi.
Ananas: sbucciato, senza la parte centrale e tagliato a pezzi.

- Lo zucchero dovrebbe essere sempre la metà del peso della frutta, per esempio su 500 g di frutta si useranno 250 g di zucchero, si lascia macerare la frutta per un'ora poi si trasferisce frutta e zucchero nel vaso.
- Aggiungere il rum a coprire la frutta di almeno un paio di centimetri.
- Ogni volta che si aggiunge nuova frutta, rabboccare col rum.
- Si può aggiungere la frutta ogni mese/settimana/10 giorni, l'importante è che lo zucchero precedente sia sciolto.
- Dopo che è stato aggiunto l'ultimo frutto, metterci un piattino sopra in modo da tenere la frutta ben sommersa nel liquore.
- Tenere il Rumtopf al fresco per 3 mesi per una giusta fermentazione, controllandolo ogni tanto ed aggiungendo ancora rum se necessario.

rumtopf 1 - fragole

Ho iniziato la settimana scorsa con le fragole, ora lo zucchero è ben sciolto e in questi giorni aggiungerò le ciliegie (non trovando più quelle belle e buone di Vignola, ho messo le picota, assaggiate per la prima volta). Ogni volta che inserirò un nuovo frutto, aggiornerò il post con la nuova foto.

Sarà pronto in inverno, giusto per essere gustato durante le feste natalizie su gelati, torte, pandori, panettoni, yogurt, o semplicemente da solo con l'aggiunta di crema pasticcera, crema di mascarpone o panna. E' anche una bellissima idea come regalo natalizio, invasato in un bel vaso di vetro con un bel nastro rosso intorno al tappo.
rumtopf 1 - fragole rumtopf 2 - ciliegie rumtopf 3 - pesche e albicocche



Questa ricetta partecipa al WHB # 189 ospitato da Astrid from Paulchen's Foodblog
This recipe participates to WHB # 189 hosted by Astrid from Paulchen's Foodblog
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!
Who's hosting
WHB Rules


Rumtopf, shall we do it together?

"Rumtopf" (meaning rum pot) is a particular fine way to preserve summer fruits soaked in rum and sugar.
The original recipe belongs to Germany and Austria and the best rum to use should be Pott 54%. Here in Italy it's quite difficult to find but still you can manage with a good quality one at least 40% and defintely not white. You could also soak the fruit in a good quality bourbon, in the French tradition, or in your favorite brandy or other alcoholic beverage that is at least 40% alcohol by volume.

You start in late spring, the best time to find strawberries at their best, the first fruit to start with. And you will keep going on all summer long, choosing fruits as soon as they ripe and become seasonally available.
All fruits should be washed, dried, peeled and cut in pieces if necessary, sugared and put in the Rumtopf crock. Don't bother to buy a new one, (I had mine as a wedding present and at that time I didn't even know what was it for!) you can use a large glass jar wrapped with aluminium foil (to avoid light that might pale fruits) and sealed with transparent plastic film on top under the lid to avoid loss af aroma or evaporation of rum (to do with a Rumtopf crock as well).


On Fantes' site, where you can buy beautiful Rumtopf crocks, they suggest to follow the order below:

Strawberries: Wash, remove the stems and halve large ones.
Cherries: Wash, remove stems, and use with or without the pits.
Raspberries and/or Blackberries: Sort carefully, but do not wash.
Red Currant Berries: Wash well and remove from stem with a fork.
Apricots and/or Peaches: Scald for 1 or 2 minutes, peel and pit, and cut in quarters (I won't peel apricots).
Melons: Peel, remove seeds and cut in cubes.
Plums: Wash well, remove stems, cut in half, and use with or without skin or pits.
Pears: Peel, cut in 4 or 8 slices, simmer in mixture of sugar and water, then remove from mixture.
Grapes: Wash well and remove from stem.
Pineapples: Remove the rind and center core, and cut in cubes.

- Sugar should always be half weight of fruit, so on each 500 g of fruit, evenly sprinkle 250 g of fine sugar, let soak for at least one hour, then place in the jar.
- Cover the fruit with rum, about 1" above the fruit.
- As you add the next fruit, keep topping off with rum.
- You can add fruit every month/week/10 days, it's sufficient that previous sugar has totally melted.
- After the last fruit has been added, place a dish over it to keep the fruit fully immersed in the rum.
- Keep the Rumtopf in a cool place for three months for a proper fermentation, chek it occasionally adding more rum if necessary.

rumtopf

I started last week with strawberries, now sugar is all melted and I will add cherries in the next days, trying a new variety I never tasted before: picota. I will update pictures as soon as a new fruit is in the jar.

Rumtopf will be ready in winter, just to be enjoyed at Christmas time over ice cream, cakes, yogurt, or simply by itself with a topping of cream. It's also a nice idea for Christmas gifts, stored in small glass jars with a shining crimson ribbon around the lid.

Round up WHB # 189

27 giugno 2009

June Daring Bakers' Challenge - Bakewell Tart...er...pudding


The June Daring Bakers' challenge was hosted by Jasmine of Confessions of a Cardamom Addict and Annemarie of Ambrosia and Nectar. They chose a Traditional (UK) Bakewell Tart... er... pudding that was inspired by a rich baking history dating back to the 1800's in England. You can read all the story in the Daring Bakers Forum, June 2009 Challenge.


It was real fun to make it and for the first time in my life I tried Frangipane!
We were asked to use homemade jam and I promptly bought some raspberries (I adore them!) and quickly made a wonderful jam, Nigella docet!


This tart was a real delightful surprise, soft inside, fragrant, excellent. I will put it in my favorites.
You can make a giant tart or little tartellettes: I made these, having 7 of 10 cm. diameter each, using aluminium molds.

Makes one 23cm or 7 (10cm each
)
Prep time:
less than 10 minutes (plus time for the individual elements), more making little tartellettes
Resting time:
15 minutes
Baking time:
30 minutes, 20 minutes for little tartellettes
Equipment needed:
23cm tart pan or pie tin (preferably with ridged edges), or 7 10cm aluminium molds, rolling pin

One quantity sweet shortcrust pastry (recipe follows)
Bench flour
250ml jam or curd, warmed for spreadability (I used 1
1/2 tbsp each tartellette)
One quantity frangipane (recipe follows)
One handful blanched, flaked almonds

Assembling the tart
Place the chilled dough disc on a lightly floured surface. If it's overly cold, you will need to let it become acclimatised for about 15 minutes before you roll it out. Flour the rolling pin and roll the pastry to 5mm (1/4”) thickness, by rolling in one direction only (start from the centre and roll away from you), and turning the disc a quarter turn after each roll. When the pastry is to the desired size and thickness, transfer it to the tart pan, press in and trim the excess dough. Patch any holes, fissures or tears with trimmed bits. Chill in the freezer for 15 minutes.

Preheat oven to 200°.

Remove shell from freezer, spread as even a layer as you can of jam onto the pastry base. Top with frangipane, spreading to cover the entire surface of the tart. Smooth the top and pop into the oven for 30 minutes. Five minutes before the tart is done, the top will be poofy and brownish. Remove from oven and strew flaked almonds on top and return to the heat for the last five minutes of baking.

The finished tart will have a golden crust and the frangipane will be tanned, poofy and a bit spongy-looking. Remove from the oven and cool on the counter. Serve warm, with crème fraîche, whipped cream or custard sauce if you wish.

When you slice into the tart, the almond paste will be firm, but slightly squidgy and the crust should be crisp but not tough.

Sweet shortcrust pastry

Prep time: 15-20 minutes
Resting time: 30 minutes (minimum)
Equipment needed: bowls, box grater, cling film

225g all purpose flour
30g sugar
½ tsp salt
110g unsalted butter, cold (frozen is better)
2 egg yolks
½ tsp almond or vanilla extract (optional)
1-2 tbsp cold water

Sift together flour, sugar and salt. Grate butter into the flour mixture, using the large hole-side of a box grater. Using your finger tips only, and working very quickly, rub the fat into the flour until the mixture resembles bread crumbs. Set aside.

Lightly beat the egg yolks with the almond extract (if using) and quickly mix into the flour mixture. Keep mixing while dribbling in the water, only adding enough to form a cohesive and slightly sticky dough.

Form the dough into a disc, wrap in cling and refrigerate for at least 30 minutes.

Frangipane

Prep time: 10-15 minutes
Equipment needed: bowls, hand mixer, rubber spatula

125g unsalted butter, softened
125g icing sugar
3 eggs
½ tsp almond or vanilla extract
125g ground almonds*
30g all purpose flour

* you can use 125g peeled almond and finely crush them in the blender but with a little sugar (20g) from the total amount of icing sugar (125g)

Cream butter and sugar together for about a minute or until the mixture is primrose in colour and very fluffy. Scrape down the side of the bowl and add the eggs, one at a time, beating well after each addition. The batter may appear to curdle. In the words of Douglas Adams: Don’t panic. Really. It’ll be fine. After all three are in, pour in the almond extract and mix for about another 30 seconds and scrape down the sides again. With the beaters on, spoon in the ground nuts and the flour. Mix well. The mixture will be soft, keep its slightly curdled look (mostly from the almonds) and retain its pallid yellow colour.

Thanks to our charming hostesses Jasmine and Annemarie, to our lovely founders Lisa and Ivonne, and don't forget to have a look to all beautiful and scrumptious Tarts baked and posted for this Challenge in the Daring Kitchen!


Bakewell Tart

Ecco una torta molto British! Questa torta è stata una vera sorpresa di dolcezza , morbida e fragrante nello stesso tempo. E mi ha dato la possibilità di conoscere il frangipane, che non avevo mai fatto prima. La metterò tra le favorite perchè merita davvero. E merita anche una buona marmellata di farcitura, meglio se fatta in casa! Se la vostra dispensa piange, seguite la ricetta di Nigella per una marmellata di lamponi (o altro frutto di bosco) bella e pronta in pochi minuti!

Si può fare una torta unica o singole tartellette: ho fatto quest'ultime, me ne sono venute 7 (10 cm. di diametro), utilizzando gli stampi in alluminio usa e getta.

Tempo di preparazione: meno di 10 minuti (un po' di più se si opta per le tartellette)
Tempo di riposo: 15 minuti
Tempo di cottura: 30 minuti, 20 minuti per le tartellette

Pasta frolla come da ricetta seguente
Farina da spolvero
250 ml marmellata (io ho usato 1 cucchiaio e mezzo per ogni tartelletta)
Frangipane come da ricetta seguente
Una manciata di mandorle in scaglie

Assemblare la torta
Posizionare la pasta su una superficie leggermente infarinata. Se è troppo fredda, ha bisogno di acclimatarsi per circa 15 minuti prima di stenderla col matterello. Stenderlaa uno spessore di 5 millimetri, lavorando in una sola direzione (si inizia dal centro e si matterella verso l'esterno) e ruotando il disco di un quarto di giro dopo rollata. Trasferire il disco di pasta nella tortiera, premere bene e tagliare la pasta in eccesso. Coprire ogni eventuale buco con dei ritagli di pasta. Riporre in freezer per 15 minuti.

Preriscaldare il forno a 200 °.

Togliere la pasta dal congelatore e spalmare uno strato di marmellata sulla base. Ricoprire con il Frangipane, distribuendolo bene fino a coprire l'intera superficie della torta. Lisciare bene la superficie con la spatola e cuocere in forno per 30 minuti. Cinque minuti prima che la torta sia pronta, la parte superiore sarà morbida e dorata. Togliere dal forno, distribuire le scaglie di mandorle e terminbare la cottura.cinque minuti di cottura.

Togliere dal forno e lasciare raffreddare. Servire caldo, con crème fraiche, panna montata o altra crema.

Pasta frolla
Tempo di preparazione: 15-20 minuti
Tempo di riposo: 30 minuti (minimo)

225g di farina 00
30g di zucchero
½ cucchiaino di sale
110g burro non salato, freddo (congelato è meglio)
2 tuorli d'uovo
½ cucchiaino di estratto di vaniglia o di mandorle (facoltativo)
1 o 2 cucchiai di acqua fredda

Setacciare insieme farina, zucchero e sale. Grattugiare il burro nella miscela di farina, usando i fori più grandi della grattugia (io l'ho tagliato fine a coltello). Usando la punta delle dita e molto rapidamente strofinare il grasso nella farina fino a quando la miscela assumerà l'aspetto di briciole. Mettere da parte.

Battere leggermente i tuorli con l'estratto di mandorla (se utilizzato) e mescolare velocemente nella miscela di farina. Sempre mescolando aggiungere poca acqua alla volta, fino a formare una pasta leggermente appiccicosa.

Fare una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e far riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

Frangipane
Tempo di preparazione: 10-15 minuti

125g burro non salato, ammorbidito
125g di zucchero a velo
3 uova
½ cucchiaino di estratto di vaniglia o di mandorle
125g mandorle tritate*
30g di farina 00

* Potete usare 125g di mandorle intere pelate e tritate nel frullatore con 20g di zucchero presi dai 125 di quello a velo velo

Lavorare il burro e zucchero insieme per circa un minuto o fino a quando la miscela e bella morbida. Aggiungere le uova, una alla volta, battendo bene dopo ogni aggiunta. Non preoccuparsi anche se pare che la crema impazzisca, non succederà! Versare poi l'estratto di mandorla e mescolare per circa altri 30 secondi, raschiando e tirando giù la crema anche dalle pareti della ciotola. Usando la frusta, aggiungere la polvere di mandorle e la farina. Mescolare bene (volendo si può usare lo sbattitore elettrico). La miscela sarà morbida e dovrà mantenere il suo colore giallo pallido.

23 giugno 2009

Sangria alle fragole


Una sangria fresca, veloce, profumata, perfetta come aperitivo estivo.

Un'idea di Gianfranco delle Tamerici.

Ingredienti per 6/8 persone:

7,5 dl di vino rosso leggero
(chiaretto, sangiovese, lambrusco)
2,5 dl di vino bianco anche frizzante
1,5/2 dl di brandy o cognac
4 cucchiai di sciroppo di zucchero*
2 arance
250 g di fragole mature

* lo sciroppo di zucchero si trova facilmente in commercio, è usato soprattutto per prepare cocktails e long drinks, ma si può fare anche in casa bollendo pochissimi minuti acqua e zucchero nella proporzione di 4 parti di acqua e 6 di zucchero; raffreddare, imbottigliare e conservare al fresco

Mescolare i vini con il brandy e lo sciroppo di zucchero, quindi unire le arance tagliate a fettine e le fragole a pezzetti. Dare una bella mescolata e lasciare riposare in frigo per 2 ore prima di servire.

Strawberry Sangria

A fresh, quick, fragrant sangria, perfect in summertime.



Serving 6/8:

7,5 dl light red wine
2,5 dl white wine
1,5/2 dl brandy or cognac
4 tbsp sugar syrup*
2 oranges
250 g ripe strawberries

* sugar syrup is on sale in bottle, but it can be made easily melting sugar in water for a few minutes on fire (proportion of 4 parts water and 6 of sugar), let cool, pour in bottle and store in a cool place

Mix wines together with brandu and sugar syrup. Add sliced oranges and strawberries. Mix well and let rest in the fridge for about 2 hours before serving.

This recipe participates to
"Strawberry feast" by Happy Cook from My Kitchen Treasures:

Strawberry Feast Round up


Questa ricetta partecipa alla raccolta della Spagna, ospitata da Francesca di  Burro e Zucchero per l'Abbecedario della Comunità Europea.

21 giugno 2009

Zucchero alla lavanda - WHB # 188


bee

E' il periodo della lavanda in fiore, un angolo del mio giardino è uno splendore tutto viola e i suoi profumati cespugli sono il rifugio preferito di api ed insetti golosi del suo nettare!
Prima di andare al mare ne ho invasata un po' con lo zucchero, al mio ritorno sarà bello profumato e pronto all'uso.
Si può racchiudere anche in sacchettini di garza per profumare armadi e cassetti, oppure semplicemente raccogliarla in mazzi che dureranno a lungo, io ne ho fatti tre da regalare alle mie nuorine.

lavender sugar

Ingredienti:

zucchero semolato, 250 g
fiori di lavanda, 3 cucchiai
qualche scorza di arancia o limone, facoltativa

Mescolare lo zucchero con i fiori di lavanda (si possono usare anche quelli essicati), mettere in un vaso e chiudere ermeticamente. Se si vuole esaltare maggiormente il profumo aggiungere qualche scorzetta di limone o arancia.
Lasciare riposare 2 o 3 settimane, quindi setacciare e conservare ben chiuso in un vaso di vetro.
Questo zucchero sarà perfetto per profumare biscotti e paste frolle o per aromatizzare un classico tè.


Questa ricetta partecipa al WHB # 188 ospitato da Graziana di Erbe in Cucina (Cooking with Herbs)
This recipe participates to WHB # 188 hosted by Graziana from Erbe in Cucina (Cooking with Herbs)
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!


Lavender Sugar

Lavender is blooming in my garden giving a bright touch of violet and bees and insects keep on buzzing in the bushes, I suppose they appreciate a lot the sweet nectar!
I took some and made this aromatic sugar, when I'll be back from holidays it will be nice smelling and ready for use.
You can also keep some flowers in gauze bags to scent drawers and wardrobes, or just make wonderful everlasting bouquets, I had three for my daughters-in-law.

lavender sugar

You need:

sugar, 250 g
lavender flowers, 3 tablespoons
some orange or lemon zest

Mix sugar and lavender flowers (you can also use dried ones), pour in a glass jar and close firmly. Add orange or lemon zest for more fragrance. Leave to rest 2 or 3 weeks, then sieve and keep sugar in a tightly closed glass jar.
This aromatic sugar will be perfect for short pastry and cookies or to flavor a classic tea.

WHB # 188 Round up

18 giugno 2009

Crostini di Matia

Non è proprio una ricetta ma un'idea furbissima di Matia Barciulli, chef dell'Osteria di Passignano in Val di Pesa e attivo nel cast de "La prova del cuoco", con il quale ho avuto il piacere di fare due corsi alle Tamerici questa primavera. (E' un personaggio simpaticissimo, che spiega il perchè e per come delle cose, partendo dall'idea che la tecnica di base è unica, cambiando ingredienti e modalità si ottengono risultati diversi).
Come ottenere dei fantastici crostini, anche da pane avanzato, sempre pronti per ogni occasione, si mantengono infatti a lungo se conservati in una scatola ermetica. Meglio usare un pane compatto, tipo toscano.


Spruzzare il pane con acqua o passarlo velocemente sotto il rubinetto.
Avvolgerlo bene nella pellicola trasparente e far riposare in frigo almeno qualche ora, meglio se un paio di giorni.
Affettarlo sottilmente con l'affettatrice, disporre le fette sulla teglia del forno, spruzzare con olio extravergine di oliva (un pizzico di sale se necessario) e tostare a 180° per 4/5 minuti finchè ben dorato.


Bread Crostini

No more leftover loafs of bread!
A simple and easy way to have "crostini" ready at any time, good with all kind of paté, mousse, sauce or dip.
They will last for long if kept in an airtightened box.


Sprinkle a loaf of bread with water or just wet it very quikly under running water.
Wrap it firmly with plastic film and leave in the fridge at least 3/4 hours, better a couple of days.
Slice finely with an electric slicer, put on a baking tray, sprinkle with extravirgin olive oil and a pinch of salt (if necessary) and bake at 180° for 4/5 minutes until golden.

This recipe participate to Susan's weekly YeastSpotting.

Round up YeastSpotting 06.19.09

14 giugno 2009

A pranzo all'Elba ... con una salsina pisana - WHB # 187


Siamo finalmente all'Elba!
Partiti ieri mattina alle 4.40 che albeggiava, viaggio perfetto, poco traffico, neanche 4 ore dopo (con pausa caffè e rifornimento metano) eravamo già a Piombino, traghetto anticipato e alle 10.15 sbarco sull'isola. Piccola spesa, soprattutto ami per la pesca per i piccoli e via a casa per scaricare in fretta e fiondarsi subito in spiaggia. La voglia di mare era tanta, ogni volta che torniamo è come se ci fossimo salutati il giorno prima; si ritrovano con gioia ed entusiasmo vecchi amici, si riscoprono profumi, colori e sapori assopiti durante l'inverno ma che all'improvviso riesplodono in tutta la loro vivacità.
Il sole ci avvolge col suo grande tepore, le creme ci proteggono dai suoi raggi infuocati, il blu del mare è irresistibile e invita a tuffarvicisi dentro e con sorpresa l'acqua è gradevolissima, poche bracciate e tutta la magia di Forno si riflette in questa piccola baia ... il paradiso lassù può attendere ancora, per il momento ho trovato il mio qui!

Susan e Mario molto gentilmente mi hanno subito invitato a pranzo sulla loro incantevole terrazzetta. Sulla tavola azzurra, quasi più azzurra del mare , un bellissimo centrotavola di fiori di fico d'India. Un pranzo di mare, leggero e nel contempo gustoso: pesci di giornata dalla nassa di Mario (occhiate, sugarelli e anche un piccolo barracuda), lessati, freddati, spolpati e poi conditi con olio e limone e una spolverata di prezzemolo, patate profumate alla borragine, caponatina di melanzane, zucchine e pomodori dell'orto, e per finire una coppetta di fragole e ananas.


Con il pesce Mario ci ha servito una salsina all'aglio molto stuzzicante e della quale mi sono fatta dare prontamente la ricetta.
E' tratta dal libro "La Cucina Toscana" di Giovanni Righi Parenti, e mi ha colpito molto come è scritta, sembra quasi di sentire parlare la vecchia donna di casa nella sua grande cucina che te la spiega mentre la sta facendo: non ci sono dosi e pesi ma tutto ad occhio, proprio come si faceva una volta nelle grandi cucine di campagna...anzi, per questa salsa in quelle di Marina di Pisa. Riporto fedelmente:
Pestare l'aglio (uno o due spicchi, dipende dalla loro grandezza ed intensità) insieme ad un pizzico di pepe o peperoncino, una midolla di pane bagnata nell'aceto ed un tuorlo d'uovo assodato: si prepara una specie di pastella che si diluirà a piacere con aceto (io non ne ho messo, mi sembrava abbastanza quello della mollica del pane) ed olio. Talvolta la stessa salsina si prepara aggiungendo pochi capperi che le danno un gusto più accentuato.




Questa ricetta partecipa al WHB # 187 ospitato da Katie di Eat This
This recipe participates to WHB # 187 hosted by Katie from Eat This
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!


Garlic Dip


Welcome to Elba!
Every time we are back here it is as if we had greeted the day before, we are pleased to meet again old friends, to rediscover fragrances, colors and flavors we lost in wintertime but suddenly embrace us with their vitality.
The sun wraps us with his great warmth, creams protect us from his burning rays, the blue of the sea is irresistible and calls to jump inside and surprisingly the water is very pleasant, a few strokes and all the magic of Forno is reflected in this small bay ... heaven up there can wait, I found my here now!

Susan and Mario invited me to lunch on their beautiful tiny terrasse. On the blue table, almost like sea, a beautiful flower centerpiece of Indian figs. A light but tasty sea lunch: fish of the day by Mario pot (occhiate, horse mackerels and even a small barracuda), boiled, cooled, made filets and then seasoned with olive oil and lemon juice and a sprinkling of parsley, potatoes scented with borage, eggplant, zucchini and tomatoes salad from Mario's kitchen garden and a cup of strawberries and pineapple for dessert.


Mario served a very tasty garlic dip with the fish, it is an ancient recipe originated in Pisa:

Crush garlic in the mortar (one or two cloves, depending on their size and intensity) together with a pinch of pepper or chili, marrow bread wet in vinegar and a hard boiled egg yolk: prepare a kind of batter to dilute with vinegar (I missed, it was sufficient what bread had absorbed) and extravirgin olive oil. Sometimes the sauce is prepared adding a few capers to give it a stronger taste.

Round up WHB # 187

11 giugno 2009

"Americano" da mangiare - Jelly Americano


L'
Americano è un cocktail pre-dinner preparato con italianissimi ingredienti, il Vermouth e il Campari, in voga soprattutto nei bar milanesi e torinesi, essendo le due città sedi delle aziende produttrici dei due ingredienti alcolici che lo compongono. Di americano non ha proprio niente, ma il nome deriva dal modo in cui è preparato. Nell'immediato dopoguerra, la V Armata USA si trattenne a lungo in Italia e nei bar degli alberghi e nei caffè i baristi impararono presto a miscelare i liquori nello shaker, "all'americana", si diceva, con tanto ghiaccio per raffreddare all'istante la bevanda senza diluirla. E' anche uno dei cocktails preferiti di James Bond!
Qui una personale interpretazione di Gianfranco delle Tamerici offerta in occasione del suo belissimo corso "Cocktaails & Finger Food", e che ormai è già diventata un "must" per le nostre serate estive in compagnia di amici.



Ingredienti per 12/14 bicchierini:

Gelatina di Campari
1,5 dl. di Campari
1,5 dl.di acqua
1 dl di succo di arancia
1 dl di sciroppo di zucchero*
10 g di colla di pesce

* lo sciroppo di zucchero si trova facilmente in commercio, è usato soprattutto per prepare cocktails e long drinks, ma si può fare anche in casa bollendo pochissimi minuti acqua e zucchero nella proporzione di 4 parti di acqua e 6 di zucchero; raffreddare, imbottigliare e conservare al fresco

Granita
1,5 dl di succo di arancia
30 g di zucchero

Coulis di fragola
100 g di fragole
1 cucchiaio di zucchero a velo

Mettere la colla di pesce in ammollo 5 minuti in acqua fredda, strizzarla delicatamente e scioglierla nel succo di arancia riscaldato. Unire il Campari, l'acqua e lo sciroppo di zucchero. Sempre aggiungere i liquidi freddi ai liquidi caldi contenenti la gelatina, facendo il contrario la gelatina si rapprenderebbe subito formando grumi. Mescolare bene, versare nei bicchierini e riporre in frigorifero a rassodare.
Per la granita, sciogliere lo zucchero nel succo di arancia, versare il tutto in una vaschetta larga per avere uno strato basso e mettere in freezer.
Per il coulis, frullare le fragole con lo zucchero.
Servire i bicchierini di Campari ricoperti di granita all'arancia e un pochino di coulis di fragola ... con un cucchaino, ovviamente!

Per una versione più leggera utilizzare l'Aperol al posto del Campari.

Questa ricetta partecipa alla raccolta del Gatto Goloso "Bicchierini Golosi"



Jelly Americano



Americano is a pre-dinner cocktail made of very Italian ingredients, Vermouth and Campari.
Despite its name, it has nothing to do with America, but the name comes from the way it is prepared. Immediately after the war, the U.S. V Army stayed for long in Italy and bartenders of hotels' bars and cafés soon learned how to mix spirits and liquers in the shaker, "all'americana - like Americans", it was said, with lots of ice to cool without diluting. It's also one of James Bond's favorite cocktail!
Here is a personal interpretation I learned from Gianfranco at Tamerici and it has already become a "must" for our summer evenings with friends.

Serving 12/14 small glasses:

Campari jelly
1.5 dl Campari
1.5 dl water
1 dl orange juice
1 dl sugar syrup *
10 g gelatin leaves

* sugar syrup is on sale in bottle, but it can be made easily melting sugar in water for a few minutes on fire (proportion of 4 parts water and 6 of sugar), let cool, pour in bottle and store in a cool place

granita
1.5 dl orange juice
30 g sugar

strawberry coulis
100 g strawberries
1 tablespoon icing sugar


Put gelatin leaves to soak in cold water for 5 minutes, squeeze gently and dissolve in heated orange juice. Add Campari, water and sugar syrup. (Always add cold liquid to hot liquid containing gelatin, because doing viceversa gelatin would solidify forming lumps). Mix well, pour into glasses and place in refrigerator to thicken.
Granita: melt sugar in orange juice, pour into a large flat bowl and store in freezer.
Strawberries coulis: blend strawberries with sugar.
Serve small glasses of Campari jelly topped with granita (scraped with a knife) and a little strawberry coulis ... and a teaspoon, of course!

For a lighter drink use Aperol instead of Campari.

09 giugno 2009

POLIGRAFICA - L’anniversario dell’azienda


Cortella
, 90 anni : «Qui stampare è una missione»

Era il 1919 quando si aprì la prima tipografia in via Stella


Quando nel 1919 Ugo cortella fondò la sua piccola tipografia in via Stella, non avrebbe mai pensato che dopo 90 anni a Verona Cortella sarebbe stata ancora sinonimo di passione e qualità.
E come ragazzo di bottega, si usava ancora all’epoca, iniziò la sua avventura Antonio Cortella, oggi 84 anni, per portare avanti l’azienda di famiglia affidatagli dal padre Giulio e dallo zio Ugo.
Oggi la Cortella Poligrafica celebra i suoi primi 90 anni sotto la guida di Martino. «Una tradizione di famiglia vista come una missione», le parole di Martino Cortella. «Questa è la passione che i Cortella mettono all’alba della quarta generazione. Stampare per noi significa ricordare, ricordare il passato per vivere il presente e progettare il futuro. È altrettanto chiaro che senza la stampa le parole e i pensieri non diventano memoria. E senza la memoria il valore della scoperta non diventa luce e conoscenza per il futuro che verrà».
Dalle prime stampe con il torchio a mano alle moderne e sofisticate offset digitali, che permettono di rispondere con efficienza e precisione alle crescenti esigenze di un mercato internazionale. Cortella guarda così ai prossimi anni, nel segno della tradizione ma al passo con l’innovazione.
«Soprattutto», conclude Martino Cortella, «puntando sull’etica e sul rapporto umano. In un momento di crisi come quello che stiamo vivendo a livello mondiale, occorre trovare quel qualcosa in più a livello etico per costruire rapporti personali. Rapporti che vadano oltre i contatti
professionali. Solo così una azienda riesce a costruire una storia, la sua storia. Forte di una tradizione che ha sempre saputo mettersi al passo con i tempi».

L'Arena, 26.05.2009

07 giugno 2009

Cocktail alla frutta profumato al basilico - WHB # 186

Oggi è il compleanno di Mamo, il mio più piccolo.

Sono passati, anzi volati, 11 anni .... era domenica anche allora, una lunga e interminabile domenica che avrei voluto non finisse mai, perchè ero consapevole che la gioia immediata di un nuovo frugoletto che non avrei potuto stringere tra le braccia come desiderato, avrebbe segnato l'inizio di un percorso duro e difficile, pieno di ostacoli e imprevisti, costellato forse da piccole vittorie giornaliere ma anche da scottanti delusioni.
Mamo è nato prematuro, di sole 24 settimane e pesava appena 780 grammi. Ma ha (e ha avuto costantemente) la scorza dura, bonariamente lo chiamo "la carogna" per certi suoi atteggiamenti testardi, che però, caparbiamente, l'hanno sempre aiutato a superare ogni ostacolo che la sua situazione precaria presentava puntualmente ogni giorno.
Ed anche oggi, come liberamente possiamo fare da tempo, siamo felici di festeggiare con gioia immensa e grande solarità questo miracolo della vita, ripetendoci che, nonostante tutto, la vita è bella e merita di essere vissuta ed apprezzata, augurando a questo "piccolo grande uomo" di crescere ancora con sempre più forza e coraggio.
Un brindisi per Mamo e un augurio frizzante per un'estate allegra e colorata con questo coktail profumato, analcolico e dissetante ... per gli irriducibili e amanti delle bollicine, come me allungare con un buon Prosecco ghiacciato al momento di servire!


Ingredienti per 6/8 persone:

4 dl. di succo di pesca
4 dl. di spremuta di arance
il succo di 2 lime
4 pesche nettarine
200 g. di ciliegie
200 g. di frutti rossi
(avevo solo lamponi, ma vanno bene anche mirtilli, more, ribes)
15 foglie di basilico

In una coppa riunire la frutta (le pesche tagliate a fettine) e i succhi, mescolare bene, profumare col basilico spezzettato a mano. Lasciare riposare in frigo per almeno un'ora prima di servire.





Questa ricetta partecipa al WHB # 186 ospitato da Haalo di Cook (almost) Anything
This recipe participates to WHB # 186 hosted by Haalo from Cook (almost) Anything
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!


Fruit Basil Cocktail


Today is Mamo's birthday, my youngest kid.
11 years have gone so quickly... it was Sunday even then, a long and terrific Sunday when I was aware that the joy of a new baby (I could not hug in my arms as desired) would have marked the beginning of a hard and difficult journey, full of obstacles and unforeseen, perhaps dotted by small victories, but also gret disappointments.
Mamo was a premature, only 24 weeks and weighed just 780 grams. But he has (and had steadily) a "hard skin", and his stubborn attitude has always helped to overcome any obstacle his delicate situation showed every day.
Now we are happy to celebrate with great joy this miracle of life, repeating that, despite everything, life is beautiful and deserves to be lived and appreciated. I wish this "little big man" to grow further with more strength and more courage as he always showed.
A toast to Mamo and a sparkling wish for a cheerful and colorful summer to all of you with this fragrant, refreshing and non-alcoholic cocktail ... but if you like (and I do!) add some icy Prosecco just before serving, it will be super!


Serving 6/8:

4 dl. peach juice
4 dl. fresh orange juice
the juice of 2 lime
4 peaches, better nectarines
200 g. cherries
200 g. red fruits
(I had only raspberries, but blacberries, bluberries and ribes are ok)
15 basil leaves


Cut peaches into slices and pour in a largewith the remaining fruits and all the juices, mix well and flavor with basil (chopped by hand). Keep in refrigerator for at least an hour before serving.

Round up WHB # 186

01 giugno 2009

Pagnotta del Turkestan - BBD # 20

"Il Turkestan è una regione dell'ex Unione Sovietica, al confine con l'iran e l'Afghanistan, sin dai tempi biblici considerata la casa delle tribù nomadi dei Turkmen. Il loro pane preferito viene abbrustolito con semi tostati e noci e ha viaggiato con loro ovunque si siano accampati. E' stato aggiunto dl lievito di birra all'originale lievito madre per migliorare la consistenza della pagnotta. E' buonissimo con zuppe e insalate". Così cita nella ricetta Linda Collister, tratta dal suo bellissimo libro "Pane", Luxury Books. E' un regalo che mi sono fatta qualche mese fa e dopo averlo sfogliato e ammirato con la bava alla bocca, ho deciso che era giunto il momento di mettersi al lavoro. L'occasione è nata dal tema scelto da Rachel di Tangerine's Kitchen per celebrare il BBD # 20: Multigrain Breads, pani multicereali.
Non avevo in casa tutte le semenze richieste, tra parentesi le mie scelte.



Ingredienti:

500g. di farina biologica di farro spelta macinata a pietra o farina integrale
(350g. di farro e 150. semintegrale macinate a pietra)
2 cucchiaini di sale
2 cucchiai di semi di girasole
2 cucchiai di semi di sesamo
1 cucchiaio di semi di lino
1 cucchiaio di semi di zucca
30g. di chicchi di segale sminuzzati (avena decorticata)
30g. di chicchi di grano sminuzzati (non li ho messi)
30g. di fiocchi di grano o di farro (avena)
15g. di lievito di birra
200g. di pasta madre
1 cucchiaio di miele
280g. di acqua tiepida
50g. di noci tostate*
50g. di nocciole tostate*
50g. di mandorle tostate*

* tostatura: in un padellino antiaderente qualche minuto sul fuoco a fiamma viva, poi tritate grossolanamente


Mescolare la farina, i semi, i chicchi e i fiocchi in una ciotola (o nell'impastatore), fare una fontana al centro ed aggiungere il lievito sciolto in una ciotolina con metà acqua e il miele, il resto dell'acqua e la pasta madre sbriciolata ed iniziare ad impastare (nell'impastatore a vel. bassa). Aggiungere per ultimo il sale. Impastare per 10 minuti, ottenendo un impasto soffice ma non appiccicoso, regolarsi di conseguenza se aggiungere un poco di acqua o farina, ma sempre un cucchiaino alla volta per entrambi.
Mettere l'impasto in una ciotola a riposare coperto e in un luogo caldo fino al raddoppio (due ore almeno). Rilavorare quindi l'impasto aggiungendo la frutta secca e formare una pagnotta.
Lasciare lievitare il pane sulla teglia del forno ricoperta di carta forno (sempre coperto e in luogo caldo) fino al raddoppio (almeno un'ora).
Cuocere a 220° per 35 minuti o fino a quando suonerà vuota se picchiettata sul fondo. Raffreddare su una griglia.


Un pane molto ricco e nutriente,
con tutti i semini e i frutti secchi che scricchiolano sottoi denti!


Turkestan Bread


"Turkestan is a region belonged to ex U.S.S.R, bordering with Iran and Afghanistan, and since biblical times has been considered home of nomadic tribes of Turkmen. Their favorite bread is toasted with roasted seeds and nuts and has traveled with them wherever they camped. Yeast has been added to original sourdough to improve the texture of the loaf. Very good and delicious with soups and salads. " Linda Collister says in the recipe, from her wonderful book Bread. I bought it a few months ago, admired recipes and pictures for long, then decided it was time to get down to work. Rachel of Tangerine's Kitchen gave me the right chance, she's hosting BBD # 20 with a great theme: Multigrain Breads.
I had not all the seeds required, between brackets my choices.



You need:

500g. organic stoneground spelt farro flour or stoneground whole wheat flour
(350g. organic stoneground farro and 150g. stone ground whole wheat flour)
2 teaspoons salt
2 tablespoons sunflower seeds
2 tablespoons sesame seeds
1 tablespoon linseeds
1 tablespoon pumpkin seeds
30g. chopped rye grains (decorticated oat)
30g. chopped of grains of wheat (not at all)
30g. wheat or farro flakes (oat)
15g. yeast
200g. sourdough
1 tablespoon honey
280g. warm water
50g. toasted walnuts *
50g. toasted hazelnuts *
50g. toasted almonds *

* roasted a few minutes in a no-stick pan, then coarsely chopped


Mix the flour, seeds, grains and flakes in a bowl (or in the kneader), make a hole in the center and add yeast (melted in a small bowl with half water and honey), the remaining water and sourdough and begin kneading (in the kneader at lower speed). Add salt at last. Knead for 10 minutes, getting a soft but not sticky dough, adding a little water or flour (a teaspoon at a time) if necessary.
Put the dough in a bowl and cover to rest in a warm place until doubled (at least two hours). Then work the dough again adding dried fruit and shape in a loaf.
Leave to rest (covered and in warm place) until doubled (one hour or a little more) on a baking tray covered with oven paper.
Bake at 220° for 35 minutes or until it will sound empty if you tap on the bottom. Cool on a rack.

A very rich and nutrient bread,
I love all those seeds and dried fruits creakling under your teeth!


This recipe also participate to Susan's weekly YeastSpotting.

Concorso "Grana Padano nella cucina di casa mia"



Da una collaborazione tra il Consorzio del Grana Padano e l'azienda Le Tamerici è nata l'idea di questo concorso dedicato agli amanti ed estimatori del Grana Padano.
Partecipare è semplice, il regolamento è facilmente scaricabile qui.
Basta inviare una ricetta legata al proprio territorio con il Grana Padano come ingrediente entro il 31.07.2009. Una giuria di esperti giudicherà e selezionerà le migliori ricette che verranno poi pubblicate in un libro dedicato al concorso. Se la propria ricetta sarà tra le selezionate si sarà avvisati per partecipare alla premiazione che si terrà il 12.09.2009 alle ore 12 presso Le Tamerici.
La ricetta vincitrice in assoluto vincerà una quantità di Grana Padano equivalente al peso dell'autore (quindi ... niente diete in questi due mesi!).

Di corsa in cucina a sperimentare nuove idee ed abbinamenti col Grana Padano!

Per ulteriori chiarimenti o informazioni chiamare direttamente Le Tamerici al numero 0376 253371 oppure scrivere direttamente a corsicucina(at)letamericisrl(dot)com

Template Design | Elque 2007