Visualizzazione post con etichetta con i fiori. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta con i fiori. Mostra tutti i post

22 luglio 2014

Black & White Wednesday # 139


Lynne of Cafe Lynnylu is hosting BWW # 138, 
please send your entries to lynnylu AT gmail DOT com


Rules to participate here.



caper's flower

Caper's flower in Filicudi - Aeolian Islands - Sicily





There are always hosting weeks available,
please contact me at casacortella AT tin DOT it  if you are interested in presenting a gallery,
check out the host line-up here and sign in for yours.

BWW will go on a Summer break after Week # 140 July 30 and resume in September, 3rd.  


We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

11 luglio 2014

Spiced Fruit Iced Tea


 la ricetta in italiano qui


It's Summertime, season for refreshing drinks, iced tea time.
Last month I participated to a lovely fragrant contest, Volubilis, a journey of the senses. We were asked to use one or more of the ingredients hidden in the new fragrance created by Bruno Acampora:

  rose of morocco
peppermint
bergamot
musk
vanilla 
patchouli

Well, certainly it is not easy to transfer into the kitchen musk and patchouli, and to be honest I did not even try. But you can play more comfortably with other perfumes, so I thought why not combine them together?
I have my favorite perfumed pink Clair Matin in the garden, mint growing in everywhere, a huge jar of Madagascar vanilla pods in the pantry, only bergamot was missing.
But bergamot is hiding in one of the most popular blends of tea in the world, Earl Grey, which is flavored with the oil extracted from the rind of this citrus fruit.


 té speziato alla frutta


Looking into my precious tea boxes, I found a mixture even more intriguing: Prince of Vladimir Kusmi Tea.
Created in 1888 in honor of Vladimir the Great, ruler of Holy Russia, it's a blend of Earl Grey, citrus, vanilla and spices, one of the most unforgettable teas of the company.
Interesting to read the centennial history of this great Russian family that made ​​its fortune trading tea in London, Paris and Berlin.


With rose petals you can make ice cubes, they will garnish with more grace and delicacy, as to evoke old times lazing moments - dolce far niente - in the shade of lush pavilions.



 té speziato alla frutta



Half-fill the ice cube tray, put into each mold a rose petal, let harden in the freezer, cover with more water and let harden again. You can then store the cubes in a plastic jar or bag.
Not having the ice cube trays, I used a silicone mold for hemispheres.



 té speziato alla frutta


 You need:

Earl Grey or Prince Vladimir tea
bergamot or lemon or lime
seasonal fruit
(nectarine, apricot, cherry, saturnine peach)
vanilla sugar *
(granulated or cane, at your pleasure)
vanilla pods
fresh mint
scented rose petals


* After you have used the seeds inside the vanilla pod, do not throw it away but store in the sugar jar: in a short time it will get a delicate aroma of vanilla.



 té speziato alla frutta

Bring water to 90°.
Let tea to infuse for 3 to 4 minutes, with a lid.
Filter, add a tablespoon of vanilla sugar, stir and let cool.
Meanwhile, cut the fruit into small slices (except cherries), combine in a bowl, sprinkle with a tablespoon of vanilla sugar, add the seeds of a little piece of a vanilla pod, a couple of tablespoons of lemon juice and mix. Cover and set aside.
When the tea is almost completely cooled, pour it over the fruit, stir and transfer to a jug. Add a few leaves of mint, slightly rubbed with your hands to enhance the aroma. If necessary, add a little more sugar if you like a sweeter tea (I don't).
Serve with rose's ice cubes.



 té speziato alla frutta


I had a lovely teatime along with Komaj, Persian turmeric and cumin sweet bread, stuffed with cardamom scented dates: a heavenly ensemble, an explosion of senses and taste!


petali di rosa ghiacciati









This recipe is my personal entry to WHB #441
hosted by Simona of Briciole,
both for English and Italian edition.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

28 giugno 2014

Announcing Black & White Wednesday # 136


Happy to announce I will be hosting Black & White Wednesday this week,
you have time to send your entries to casacortella AT tin DOT it
until wednesday 2nd July, at noon Rome time.
The gallery will be on-line in the afternoon. 

Simply rules to participate here.
There are always hosting weeks available.,
at the moment Week # 138 July 16  and Week # 139 July 23 are still free.
Please contact me at casacortella AT tin DOT it  if you are interested in presenting a gallery.

BWW will go on a Summer break after Week # 140 July 30 and resumed in September, 3rd.



IMG_4994

Spontaneous Malva in my garden



Malva is a genus of about 25–30 species of herbaceous annual, biennial, and perennial plants in the family Malvaceae (of which it is the type genus), one of several closely related genera in the family to bear the common English name mallow.
The word mallow is derived from Old English malwe, which was imported from Latin malva, cognate with Ancient Greek μαλάχη (malakhē) meaning mallow, both perhaps reflecting a Mediterranean term.
Several species are widely grown as garden flowers, while some are invasive weeds, particularly in the Americas where they are not native.
Many species are edible as leaf vegetables. Known as ebegümeci in Turkish, it is used as vegetable in Turkey in various forms such as stuffing the leaves with bulgur or rice or using the boiled leaves as side dish. Malva verticillata (Chinese: 冬寒菜; pinyin: dōngháncài, Korean: 아욱 auk) is grown on a limited commercial scale in China; when made as a herbal infusion, it is used for its colon cleansing properties and as a weight loss supplement.
Very easily grown, short-lived perennials often grown as ornamental plants. Mild tasting young mallow leaves can be a substitute for lettuce, whereas older leaves are better cooked as a leafy green vegetable. The buds and flowers can be used in salads.
Cultivation is by sowing the seeds directly outdoors in early spring. The seed is easy to collect, and they will often spread themselves by seed.
In Catalonia (Southern Europe) they use the leaves to cure stinging nettles sting.
Bodo tribals in Bodoland, Assam (Northeast India) cultivate a sub-species of malva and use it extensively in their traditional cuisine, although its use is not much known among other people of India. Malva Leaves are a highly cherished vegetable dish in north Indian state of Kashmir. It is called Soachal.
Malva sp. leaves have been used in the traditional Austrian medicine internally as tea or externally as baths for treatment of disorders of the skin, gastrointestinal tract and respiratory tract.
This plant is one of the earliest cited in recorded literature. Horace mentions it in reference to his own diet, which he describes as very simple: "Me pascunt olivae, me cichorea, me malvae" (As for me, olives, endives, and mallows provide sustenance). Lord Monboddo describes his translation of an ancient epigram that demonstrates malva was planted upon the graves of the ancients, stemming from the belief that the dead could feed on such perfect plants (from wikipedia).







 new bww logo


We also have a group on Flickr if you'd like to join and share your pictures.

25 giugno 2014

Teatime volubile profumato alla rosa, menta, vaniglia e bergamotto


Mi è piaciuto subito il nome: Volubilis.
Mi è piaciuta subito la sua definizione: un viaggio di sensi.
E sono sicura mi piacerà anche il suo profumo, quando tornerò a Bologna a trovare Sabrina mi sconvolgerò l'olfatto.
E proprio Sabrina, in onore di questa nuova fragranza creata da Bruno Acampora, ha lanciato il contest per la realizzazione di una ricetta utilizzando uno o più ingredienti che compongono l'essenza:


la rosa del marocco
la menta piperita
il bergamotto
il muschio
la vaniglia 
il patchouli


Certo non è facile trasferire in cucina muschio e patchouli, e a onor del vero non ci ho nemmeno provato. Ma si poteva giocare più comodamente con gli altri profumi, e perchè non unirli insieme?
Ho la profumatissima rosa mia preferita Clair Matin in giardino, la menta in tutte le sue espressioni più frizzanti che cresce vigorosa in ogni dove, la vaniglia del Madagascar in bacche nel suo grande vaso in dispensa, dovevo solo trovare il bergamotto.



té speziato alla frutta



Estate, tempo di bevande dissetanti, tempo di tè freddo.
E il bergamotto si nasconde in una delle miscele di tè più amate e bevute al mondo, l'Earl Grey, che viene aromatizzato con l'olio estratto dalla scorza di questo agrume.

Rovistando tra le mie preziose scatole di tè (ne ho appena fatto scorta), ho trovato una miscela ancora più intrigante ed adeguata: Prince Vladimir della Kusmi Tea.
Una miscela di tè neri cinesi con aroma di bergamotto, limone, pompelmo, vaniglia e spezie, un mix unico, creato da Pavel Kusmichoff nel 1888 per celebrare il 900° anniversario della cristianizzazione russa da parte di Vladimir il Grande.
Interessante leggere la storia centenaria di questa grande famiglia russa che fece la sua fortuna commerciando tè a Londra, Parigi e Berlino.



 té speziato alla frutta


Con i petali di rosa si possono fare i cubetti di ghiaccio, per guarnire con più garbo e delicatezza, quasi a rievocare momenti di dolce far niente all'ombra di gazebi lussureggianti d'altri tempi.

Riempire a metà la vaschetta portaghiaccio, mettere in ogni stampino un petalo di rosa, fare rassodare in freezer, ricoprire con altra acqua e far rassodare ancora. Si possono poi conservare in un barattolo di plastica o in un sacchetto.
Non avendo le vaschette portaghiaccio, ho utilizzato uno stampo in silicone per semisfere.



té speziato alla frutta



 Tè freddo speziato alla frutta


 tè Earl Grey oppure Prince Vladimir
bergamotto o limone o lime
frutta di stagione
(nettarina, albicocca, ciliegie, pesca saturnina)
zucchero alla vaniglia *
(semolato o di canna)
bacca di vaniglia
menta fresca
petali di rosa profumata


* dopo aver usato i semini interni della vaniglia, non getto mai le bacche ma le ripongo nel vaso dello zucchero, sia semolato che di canna: in poco tempo acquisterà un delicato aroma vanigliato.




té speziato alla frutta




Portare l’acqua a 90°.
Lasciare il tè in infusione per 3 o 4 minuti, con coperchio.
Filtrare, aggiungere un cucchiaio di zucchero vanigliato, mescolare e lasciare raffreddare.
Nel frattempo tagliare la frutta a piccoli spicchi (le ciliegie si lasciano intere), riunirla in una bacinella, cospargere con un cucchiaio di zucchero vanigliato, aggiungere i semini e la scorza di un pezzettino di bacca di vaniglia, un paio di cucchiai di succo di limone e mescolare. Coprire e mettere da parte.
Quando il tè è quasi completamente raffreddato, versarlo sopra alla frutta, mescolare e trasferire in una caraffa. Aggiungere qualche foglia di menta, leggermente sfregata tra le mani per ravvivare l'aroma. Eventualmente aggiustare di zucchero se piace più dolce.
Servire con i cubetti di ghiaccio alla rosa.

Oggi pomeriggio un'ottima merenda insieme ai Komaj, panini persiani alla curcuma e cumino, ripieni di datteri profumati al cardamomo: un ensemble quasi paradisiaco, un'esplosione di sensi e di gusto!



té speziato alla frutta



petali di rosa ghiacciati




24 giugno 2014

Black & White Wednesday # 135



Sreevalli of Ammaji Recipes is hosting this week BWW,
please  send your entries to valli.sunil AT gmail DOT com



summer centerpiece
Summer Centerpiece

made with fig leaves,
loquats,
 trachelospermum jasminoides,
 hypericum perforatum.










There is always a free place to host a week,
check out the host line-up here and sign in for yours
or e-mail me to casacortella AT tin DOT it

We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

18 agosto 2013

Sugarless Strawberry Jam, second experiment


la ricetta in italiano qui

The first strawberry sugarless  experiment was very positive, but I used some pectin in it and read afterwards it contained a very very small amount of sugar anyway.
So I did try again without any sugar contamination, and it was a very positive try indeed!
Pretty fast too,  in half an hour you will be able to fill three jars of nicely perfumed and consistent red berries jam,  flavored with a hint of dried elder flowers.
If you like it sweeter, simply increase the dose of malt, but believe me (and the picture is just as real), it is so good the way it is. 


 confettura fragole senza zucchero


For 3 small/medium jars:

800 g trimmed strawberries
the juice of half a lemon
250/300 g rice malt syrup
80 g organic apple juice
2 or 3 pinches of dried elder flowers, optional


confettura fragole senza zucchero


Cut the strawberries in half, place in a bowl, cover with rice malt and let soak covered overnight, preferably in the fridge after a couple of hours at room temperature.
Transfer to a wide shallow pan (or wok), add lemon and apple juice and bring to a boil.
Boil over high heat for 5 minutes, then drain the strawberries with a slotted spoon and place in a strainer over a bowl to catch the juice they release (which will be gradually put back in the pan).
Let simmer over high heat until the juice is reduced to about half/one third, you see it is ready when syrup bubbles change andjuice consistency is very syrupy (it will take about 15 minutes).
Pour the strawberries back in the pot, cook a couple of minutes, remove from heat, add the elderflower and give a good stir, the jam is ready for the jars!
It's up to you the storage method to follow: sterilize the jars in a water bath or close and place them upside down until completely cooled (in this case the jars must be first sterilized in oven at 100° for at least one hour and lids boiled for 15 minutes in water).


confettura fragole senza zucchero








This recipe is my personal entry to WHB #397
hosted by Lynne from Cafe Lynnylu.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

25 giugno 2013

Summer Red Passion - Strawberry and Tomato Salad for Creative Cooking Crew



For the first time I am joining a new cooking group on FB my dear friend Joan gently invited to.
This month's challenge for the Creative Cooking Crew was to create a complete dish with only one color.
Well, we are in Summer, the Queen season for choice of colored food with such a large variety to get your favorite!
And I straight went for red, red like passion, passion to food, to love, to life.

This is an unusual salad, but fresh and inviting, very special and quite an almost pungent flavor for the presence of garlic and chili. However, better not to abuse of, as the freshness of tomato and strawberry are the genuine flavors to be enhanced.
Ideal for a cold bruschetta or with your Sunday BBQ.



insalata fragole pomodori



Ingredients:

 ripe strawberries
ripe cherry/datterini tomatoes
(or red round tomatoes)
lime
fresh chilli 
garlic
coriander or parsley
(or basil)
extra virgin olive oil
salt


insalata fragole pomodori



If you use round tomatoes, blanch in boiling water, then put immediately in cold water, peel, cut into wedges and remove seeds.
For cherry/datterini tomatoes  simply cut them in half after they have been washed and dried.
Gently wash strawberries and cut into halves, or slice if they are big.
Finely chop the chilli (unseeded) with garlic and coriander/parsley leaves.
Combine everything in a bowl, season with lime juice, olive oil and salt.
Let the salad rest in the refrigerator, covered with foil, for a couple of hours to get amalgamated. 
Then serve with toasted bread.

My coriander plant was blooming and I had some tiny white flowers to garnish the salad.



insalata fragole pomodori

31 maggio 2013

Confettura di fragole senza zucchero, secondo esperimento ... eureka!


English recipe here

Sono proprio contenta e ultrasoddisfatta! :-)
Dopo il primo esperimento fragoloso senza zucchero (ma con aggiunta di pectina leggermente zuccherata) ci ho voluto riprovare, vietandomi ogni possibile contaminazione illecita.
Ho attuato allora un piccolo stratagemma che avevo imparato anni fa (ma perchè non ci ho pensato subito? :-) per un'altra confettura di fragole, che mi ha aiutato nella gelificazione naturale senza bisogno di aggiungere polverine equivoche o alghe misteriose con cui devo ancora fare profonda amicizia.
Ed ecco che in mezzora di orologio si riuscirà a riempire tre vasetti di profumata e consistente marmellata rossamente fragolosa, questa volta aromatizzata con un pizzico di fiori secchi di sambuco (che sono riuscita a seccare in questi giorni approfittando delle schiarite di sole tra un temporale e l'altro :-).
Per chi la volesse ancora più dolce (tipo i miei familiari che mi guardano straniti e mi prendono per aliena quando produco poco dolce) basterà aumentare la dose di malto, ma credetemi sulla parola, anzi sulla foto, è buona così.

confettura fragole senza zucchero


Per tre vasetti medio/piccoli:

800 g di fragole mondate e pulite
il succo di mezzo limone 
250/300 g di malto di riso
80 g di succo di mela bio
2 o 3 pizzichi di fiori di sambuco secchi, facoltativi
 

 confettura fragole senza zucchero

Tagliare le fragole a metà, sistemarle in una bacinella, ricoprirle col malto di riso e lasciarle macerare coperte fino all'indomani, meglio in frigo dopo un paio di ore a temperatura ambiente.
Trasferire in una padella bassa e larga (o nel wok), aggiungere il succo di limone e di mela e portare a bollore.
Bollire a fiamma vivace per 5 minuti, quindi scolare le fragole con un mestolo forato e metterle in un colino a maglie strette sopra una bacinella per recuperare il succo che perdono (che andrà mano a mano rimesso in padella).
Lasciare sobbollire a fiamma vivace il succo finchè si riduce a circa metà/un terzo, si vede che è pronto perchè cambiano le bolle e la consistenza del succo è sciropposa (ci vorrà circa 15 minuti).
Rimettere le fragole in pentola, cuocere un paio di minuti, togliere dal fuoco, aggiungere i fiori di sambuco e dare una bella mescolata: la marmellata è pronta per essere invasata!
Libertà di scelta se sterilizzare i vasetti a bagnomaria o chiuderli e metterli capovolti fino a completo raffreddamento (in questo caso i vasetti devono essere prima sterilizzati in forno a 100° per almeno un'ora).

Consigli preziosi per la buona riuscita di conserve dolci (e anche non) qui.


 confettura fragole senza zucchero


La ricetta va a Nicole di  Ricetteveg per la raccolta fragolosa di Salutiamoci.




28 maggio 2013

Black & White Wednesday # 85



Priya of The Humpty Dumpty Kitchen is hosting this week BWW,
please do send your entries to pickwickcorner AT gmail DOT com



 Some time ago I bought an aromatic plant of coriander,
 also known as cilantro, Chinese parsley or dhania.

 All parts of the plant are edible, even the roots.
Now it's blooming,
sweet white flowers I use to garnish my dishes.
But will soon have to cut it off
to let him grow larger and stronger.


coriander flowers

Coriander flowers











We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
  hashtag #BWFood on Twitter.
Should you like to host please send me an email to casacortella AT tin DOT it
rules and host-line up here

19 maggio 2013

Sciroppo di sambuco senza zucchero - Sugarless elder syrup


E' già tempo di sambuco, ma quest'anno bisogna fare a gara col brutto tempo per riuscire a raccogliere i suoi bei fiori, sincronizzandosi bene col meteo per riuscire ad aspettare il momento (e non dico giorno, perchè molto raramente fa un giorno intero bello!) buono e soleggiato per andarne a caccia.
E purtroppo quest'anno non è neanche così profumato come dovrebbe, le pioggi battenti lo infliggono duramente facendogli perdere gran parte del suo aroma persistente ed inebriante.
Cercando di seguire una nuova (mistica :-) evoluzione del mio modo di vivere e pensare, sto provando ad eliminare lo zucchero dove possibile, cercando, provando e facendo esperimenti molto aulici e ben poco chimici per trovare sostituti degni e soprattutto esaurienti anche al palato (anche se sono poco seguita ed approvata in casa :-).
Senza diventare di colpo talebani, sarebbe però opportuno rivedere certi comportamenti/mode/influenze pubblicitarie che ci iperstimolano verso questo ingrediente, come suggeriscono anche in questo articolo apparso sulla pagina FB di Salutiamoci che ho prontamente condiviso anche sulla mia.

E in questi giorni anche il mio adorato sciroppo di sambuco è stato messo sul banco degli imputati e scremato di ogni possibile dolce contaminazione mafiosa :-).
Ne è uscito un bel succo profumato, forse leggermente più agrumato (ma sta succedendo anche a Max, il mio terzo figlio, che ne sta facendo a vagonate seguendo la tradizione, nonostante la stessa proporzione di ingredienti sempre seguita: probabilmente è proprio il sambuco che quest'anno è più debole), di sicuro meno sciropposo (lo zucchero fa più volume e comunque ad un certo punto mi sono persa con le proporzioni malto (liquido)/zucchero (solido) e sono andata ad occhio :-) e quindi da diluire più blandamente per ottenere una bevanda altresì dissetante ma più salutare!
Credo che aggiustando leggermente le dosi si possa arrivare quasi alla perfezione!


Il sambuco (Sambucus nigra) è una pianta molto diffusa nelle campagne e nelle zone incolte, cresce fino ad un'altitudine di 1200 mt. E' considerato un arbusto ma può raggiungere dimensioni notevoli, largo e alto anche più di 5 metri! Ha piccoli fiori bianco/panna raccolti in infiorescenze ad ombrella e fiorisce in tarda primavera e inizio estate. In autunno maturano le bacche, viola scuro, ricche di vitamina C con cuipreparare gustose marmellate (ma non mangiatele crude, sono tossiche!). I fiori freschi sono buoni anche in insalate e macedonie, oppure si possono friggere come il glicine e l'acacia. Si dice che l'infuso di fiori di sambuco sia ottimo nella cura del raffreddore. Il decotto dei frutti è un buon lassativo.
Dal sambuco si ricavano anche tinture di vari colori: nera dalla corteccia, verde dalle foglie, blu o lilla dai fiori e rosso scuro dalle bacche, che venivano usate spesso per colorare il vino di rosso scuro. Dal tronco si ricava un legno tenero e biancastro, usato solitamente per costruire di piccoli oggetti come pettini, cucchiai di legno o giocattoli. negli anni passati i bambini erano soliti farsi fischietti e cerbottane recuperandone i rami!
Nei tempi passati al sambuco venivano attribuiti poteri magici contro demoni e streghe, non a caso veniva spesso piantato nelle corti delle case. Ancora oggi si pianta il sambuco presso le finestre di casa, si dice attragga le mosche che così non entreranno all'interno. Si può fare una tisana con foglie di sambuco da spruzzare su piante soggette a muffe o ruggine.


 sciroppo sambuco senza

Per 3 litri di sciroppo:

30 fiori di sambuco appena colti *
1 litro di acqua
1 litro di succo di mele bio non zuccherato
400 g di malto di riso (un vasetto)
400 g di malto di grano (un vasetto)
4 limoni bio

* i fiori vanno raccolti da piante lontano da strade trafficate,
perchè siano il più incontaminati possibili da smog e polveri che le piante stesse assorbono facilmente,
ottima scusa per una gita campestre


 sciroppo sambuco senza


- Eliminare i gambi più grossi dai fiori di sambuco e sistemarli in una ciotola capiente.
- Mescolare i due malti nell'acqua e portare a bollore, lasciar bollire un paio di minuti e togliere dal fuoco. 
- Fare intiepidire lo sciroppo, aggiungere il succo di mele e versare tutto nella ciotola con i fiori, aggiungendo anche la buccia e il succo dei limoni.
- Mescolare bene, coprire con pellicola e lasciare riposare nel luogo più fresco della casa e al buio per tre giorni (dovesse già far caldo tenere in frigo).
- Filtrare il succo inizialmente da un colino, schiacciando bene con le mani i fiori, poi una seconda volta attraverso un telo di lino a trama fitta (uso un vecchio strofinaccio bianco della nonna adibito solo a questo), quindi, per essere più pignoli, anche una terza volta atttraverso i filtri di carta da macchina per caffè americano.
- Trasferire in vasetti perfettamente puliti, chiudere col coperchio e sterilizzare.
- Una volta aperto, si conserva una settimana in frigorifero.



Elderflower Syrup


It 's already elder time, but this year you having a sort of competition with bad weather, in order to be able to collect its beautiful flowers: we have to be patient and wait for the right sunny moment (and I say moment not day, because we rarely have a full day nice!) for the hunt.
Plus, unfortunately, this year it is not even so fragrant as it should, I suppose due to heavy pouring rain (so much cats & dogs :-) is missing its fabulous intoxicating aroma.
Trying to follow a new (mystical :-) evolution of my life style, I'm trying to eliminate sugar when and where possible, trying and experimenting new solutions to find worthy substitutes, and especially fine for the palate.
And in these past few days even my beloved elderberry syrup was put in the dock and skimmed of any possible sweet mafia contamination :-).
The result is a beautiful fragrant juice, maybe slightly more citrus aromatic (but it's happening the same to Max, my third son, who is doing tons of elder syrup following the traditional recipe, and despite the same proportion of ingredients always followed: probably elder flowers are weaker this year), certainly less syrupy (sugar does more volume and in any case at some point I got lost with the proportions of malt (liquid)/sugar (solid) and went at pleasure :-) and therefore to be used a little more abundant to get still a refreshing drink but healthier!
I believe that with a little more care to ingredients' proportion we can get almost to perfection!


Elderberry (Sambucus nigra) is a common plant in the countryside and in uncultivated areas, it grows up to an altitude of 1200 mt. It's considered a shrub but can grow very large, wide and high, even more than 5 meters! Small white flowers gather in inflorescences shaped like umbrella and blooms in late spring and early summer. In autumn, the berries ripen, very rich in vitamin C and ideal to prepare a very good jam (but do not eat them raw, they are toxic!). The flowers are good in salads and fruit salads, too, or you can fry like wisteria and acacia. Infusion of elder flowers is excellent in the treatment of colds. The decoction of the berries is a good laxative.
Elder gives dyes of various colors: black from the bark, green from leaves, blue or purple from flowers and dark red from berries, often used to color red wine. The trunk gives a soft and white wood, usually used to build small objects such as combs, spoons or wooden toys. In the past children used to make whistles, blowpipes and peashooters using the branches.
In the past magical powers were attributed to elder tree against devils and witches. In fact every house had one in the garden. Nowdays an elder tree near the house keeps flies out. Spread plants with a herb-tea made of elder leaves to prevent rust or mould.


 sciroppo sambuco senza


For 3 liters of syrup:

30 freshly picked elderflowers *
1 liter water
1 liter organic unsweetened apple juice
400 g rice malt
400 g wheat malt
4 organic lemons

* flowers should be collected away from busy roads
so to be as pure as possible from pollution and dust, a good opportunity to go for an healthy walk

sciroppo sambuco senza


- Remove the stems from elderflowers and put in a large bowl.
- Mix the two malts in the water and bring to boil, simmer a couple of minutes and remove from heat.
- Let the syrup cool, add apple juice and pour into the bowl with flower; add also lemon zest and juice.
- Mix well, cover with plastic wrap and let rest in the coolest dark place of the house for three days (should already be hot better store in the fridge).
- First strain the juice with a colander, squeezing well the flowers by hands, then a second time through a linen kitchen cloth (I use an old grannie's towel, always used  for that), then even a third time with paper coffee filters.
- Pour into jars, close with a lid and sterilize.
- Once opened, it keeps a week in the refrigerator.








This recipe is my personal entry to WHB # 384
hosted by Bri of Briggi's home for English edition
and Kris of Tutto ad occhio for Italian edition.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

09 gennaio 2013

Un tulipano per l'Abbecedario della Comunità Europea


Anno nuovo, Abbecedario nuovo! :-)
E' ufficialmente iniziato l'Abbecedario della Comunità Europea, creato dalla mente fervida e inarrestabile della Trattoria MuVarA, per dare continuità ai due precedenti viaggi attraverso le regioni italiane.
Per questo nuovo Abbecedario è stato allungato il tempo di permanenza in ogni singola nazione, in modo da poter conoscere meglio usi e costumi talvolta a noi veramente sconosciuti, e si sono uniti anche blogs stranieri per rafforzare la Comunità: tutte le info, regolamento e programma qui.
Fino al 27 gennaio siamo ospiti di Monia, che ha egregiamente inaugurato il nuovo Abbecedario con una deliziosa Appeltaart in rappresentanza dei Paesi Bassi.
Non sono mai stata in Olanda, ma è una regione che mi attira molto, quindi spero di riuscire a visitarla presto.
Girovagando per internet sono capitata nel sito di Kirsten Huijsen, che, incuriosita dalla sua stessa storia di famiglia ed amando la storia della cultura olandese, cerca di aiutare chi ha origini e antenati nei Paesi Bassi a ritrovare le proprie radici.
Non poteva mancare una sezione dedicata al cibo olandese e fra le varie ricette proposte, quella che vado a trascrivere mi ha colpito proprio per l'eredità storica che le appartiene.

Quando si parla di Olanda, le prime cose che vengono in mente sono i mulini a vento, gli zoccoli di legno e i tulipani. Fiori bellissimi, variopinti, semplici ma nel contempo raffinati, invadono con i loro campi steerminati di raccolta tutta la regione occidentale del paese. Il parco di Keukenhof, a pochi chilometri da Amsterdam, ne è la principale attrazione: è il più grande parco di fiori a bulbo del mondo, ed anche il più fotografato, nonostante sia aperto solo un paio di mesi all'anno in primavera (quest'anno dal 21 marzo al 20 maggio 2013), il tempo della fioritura di ben 7 milioni di bulbi piantatai a mano, di cui 4,5 milioni solo di tulipani in 100 varietà diverse.

tulipani

Ma c'è stato un tempo che gli olandesi si sono visti costretti a rinunciare alla consueta varipinta fioritura dei loro amati fiori per poter sopravvivere cibandosi proprio dei loro bulbi.
Così racconta Kirsten:

E' successo durante l'inverno del 1944/1945 noto agli olandesi come Hongerwinter (inverno di fame). Mentre la parte meridionale dei Paesi Bassi era stata liberata dalle truppe alleate, il nord era rimasto occupato dai tedeschi. Nel settembre del 1944, la regina Wilhelmina, dal suo esilio momentaneo esortò il personale ferroviario olandese a scioperare, in modo da sabotare i tedeschi nel rifornire le loro truppe. Il personale ferroviario le obbedì, ma i risultati furono disastrosi.
Ben presto i tedeschi si organizzarono con i propri treni e punirono il popolo olandese tagliando fuori il nord-ovest da tutti i trasporti e consegentemente dai rifornimenti di cibo per sei settimane. Questa rappresaglia coincise purtroppo con altri tre fatti che peggiorarono ulteriormente la situazione: fu un inverno estremamente rigido, che esasperò la necessità di combustibile per riscaldarsi, soprattutto per le persone anziane e malate, ed il carbone così disperatamente necessario, non poteva essere trasportato dalle miniere del sud a causa della linea del fronte bellico che tagliava il paese in due lungo i grandi fiumi. Inoltre, la maggior parte dei campi era diventata zona di battaglia, per cui non era stato possibile coltivarla e mietere raccolti, lasciando poche e misere provviste locali. Non sorprende quindi se il risultato portò ad una grande carestia che culminò con circa 20.000 morti di fame.
La gente che sopravvisse a quel terribile inverno ci riuscì in parte mangiando quello che era ancora disponibile: bulbi di tulipano. Ed il governo stesso pubblicò delle ricette per cucinare un pasto nutriente con i bulbi.

tulipani a Keukenhof - foto da Wikipedia

Riporto la ricetta come è trascritta da Kirsten, e mi unisco fortemente alla sua richiesta di attenzione: non provate in nessun modo a riproporla veramente, purtroppo le varietà moderne di tulipani non sono edibili e possono contenere alte concentrazioni di insetticidi/pesticidi!


Polpette di bulbi di tulipani

una tazza di fagioli scuri
una tazza di bulbi di tulipani
cipolle, se disponibili
sale, se disponibile
curry, o surrogato, se disponibile
maggiorana, se disponibile
olio

Cuocere i fagioli e i bulbi in acqua finchè teneri.
Lasciare raffreddare e mescolarli bene fino ad ottenere una crema omogenea.
Soffriggere la cipolla col curry ed aggiungere al composto.
Aggiungere sale e maggiorana a piacimento.
Formare delle polpettone e rosolarle in un filo di olio.

03 agosto 2012

Black & White Wednesday - Week # 44



Back home!
A quick look to the garden
to point out how diligent my boys have been in watering flowers and plants,
everything is green and healthy,
something pretty ready to enjoy on the table.

 P1020858
somebody curious on the fig

 P1020851
 basil flowers (to be trimmed :-)

P1020849
 tomatoes getting ripe under the sun





 For lovely Susan and BWW, her weekly culinary photo event,
this week co-hosted @ Divine Food and Art.

22 luglio 2012

Fiori di zucchina ripieni profumati alla curcuma



Quando si è in vacanza, senza televisione, senza radio (e senza sentirne veramente la mancanza :-), leggendo i giornali a giorni molto alterni giusto per aggiornarsi sui fatti principali, si perde un pochino la nozione ufficiale del tempo, o perlomeno dell'esatto numero del giorno.

So che è domenica, ma … che numero? E guardando di sfuggita il calendario in cucina, che è bello ammirare solo per le incantevoli vedute che ogni mese regala di questa sempre bellissima Elba, mi accorgo che è il 22, e mi trovo a pensare che avevo letto qualcosa riguardo al 22 … mumble, mumble ... già, scade oggi l'invito di Leda  preparare qualcosa con i fiori di zucchina!

Suvvia, non c'è tempo da perdere, un'ideuzza ce l'ho (anche se è nostra sana abitudine consumarli fritti, specie se appena colti dall'orto di Mario :-), apro il frigo, tiro fuori un pentolo (come si dice qui :-) e mi dedico alla ricetta (parolona :-), senza rimpianti perchè oggi pomeriggio è nuvoloso (dopo più di un mese di sole e cielo azzurro :-).
Possono essere serviti singolarmente come piccolo antipasto, oppure diventare piatto unico mangiandone un buon numero :-).


Senza alcuna difficoltà, ne è venuta fuori anche una preparazione molto salutare, in linea con gli alimenti permessi dalla tabella dell'iniziativa Salutiamoci, questo mese ospitata da Cobrizo (Roberta), che ha scelto come ingrediente protagonista la zucchina (e i suoi fiori).



fiori zucchina ripieni alla curcuma


Per 6 fiori di zucchina:

un pugno di riso thai rosso
una falda di peperone rosso
uno spicchio di melanzana senza buccia
un paio di cucchiai di pisellini surgelati
basilico e prezzemolo tritati
un pezzetto di ricotta affumicata
pomodorini ciliegini
olio extravergine di oliva
curcuma *
sale


fiori zucchina ripieni alla curcuma


- Lessare il riso per circa mezzora in acqua leggermente salata. A parte lessare i piselli (io lio ho cotti insieme al riso ma ahimè, idea malsana perché cuocendo il riso rende l'acqua scura e i piselli diventano così verdino spento).
- Nel frattempo tagliare a cubetti molto piccoli la melanzana ed il peperone. Saltare in padella a fiamma vivace le verdure con qualche cucchiaio di olio, salare e cuocere qualche minuto finchè tenere. Aggiungere il riso e i piselli ed una grattatina di ricotta ed insaporire amalgamando bene. Per ultimo spolverare con il prezzemolo e il basilico.
- Togliere il picciolo e i rametti della corolla ai fiori di zucchina, con una forbice tagliare delicatamente un lato fino alla corolla, levare anche il pistillo e farcirli con il composto. Richiuderli bene, attorcigliando anche la punta e disporli in una pirofilina (o su carta forno) leggermente oliata. Grattugiare sopra ancora della ricotta.
- Sciogliere in una tazzina mezzo cucchiaino di curcuma con qualche cucchiaio di olio e versare sopra ai fiori. Infornare in forno caldo a 190/200° per circa 10 minuti.
- Fare una piccola dadolata con qualche ciliegino, salare e condire con olio. Servire i fiori con la dadolata di pomodorini.


 fiori zucchina ripieni alla curcuma


fiori zucchina ripieni alla curcuma


*  La curcuma è la spezia base del curry, a cui dona quel meraviglioso colore giallo. E' un potente antiossidante, dalle notevoli virtù antinvecchiamento (si dice che il quasi inesistente tasso di malati di Alzheimer in India sia dovuto proprio all'elevato consumo di questa spezia), purifica il sangue, ostacola lo sviluppo dei tumori e protegge il fegato. Questa spezia contiene curcumina, una sostanza dotata di indubbie proprietà antinfiammatorie perché capace di fermare l'azione di un enzima responsabile dell'infiammazione, chiamato ciclossigenasi 2 (non sono così saputa, lo spega bene  Marco Bianchi nel suo libro I Magnifici 20). E' stata studiata ed approfondita in laboratorio, insieme al gingerolo contenuto nello zenzero, e i ricercatori hanno osservato che queste due sostanze hanno un enorme potere sulle cellule mutate e danneggiate dai tumori, portandole alla distruzione. E' stato anche osservato da studi recentissimi che rallenta il progresso dell'Hiv. Inoltre pare che abbia notevoli potenzialità per fermare la crescita del tumore della pelle.
E' quasi risaputo da chi mi conosce bene la mia avversione per il colore giallo … fatta eccezione per la curcuma ed il curry! :-)

 

Template Design | Elque 2007