14 giugno 2018

Pane di polenta con cipollotti e peperoncini


Monia ospita la terza tappa per il Menù Lib(e)ro, dedicata ai pani di casa, proponendoci un goloso pane in cassetta con patate islandese, molto ben riuscito (si sente quasi il profumo fin qui), perfetto per la colazione.
Io le porto un pane che non richiede particolari abilità di arte bianca, strano ma molto saporito, tratto dal libro di cucina facile di Lorraine Pascal Home Cooking Made Easy.


pane di polenta con cipollotti e peperoncini


Ingredienti:
220 g d polenta fine (per me integrale)
90 g di farina 0
1 cucchiaino di zucchero di canna chiaro
2 cucchiaini di bicarbonato di sodio
1 uovo
200 g di yogurt naturale intero
300 ml di latte intero
75 g di mais precotto
30 g di olio extravergine di oliva o burro
3 o 4 peperoncini rossi
1 mazzetto di cipollotti
sale
pepe macinato fresco

una teglia a cerniera diametro 20 cm



pane di polenta con cipollotti e peperoncini


Foderare la teglia con carta forno.
Sciacquare bene e scolare il mais.
Lavare ed affettare finemente i peperoncini, dopo averli privati di semi e filamenti interni.
Lavare ed affettare finemente anche i cipollotti.
In una grande ciotola mescolare con una forchetta tutti gli ingredienti, mettendo prima i secchi ed aggiungendo poi i liquidi.
Versare nello stampo e cuocere in forno caldo a 220° per circa 30 minuti, finchè il pane non risulta più umido (prova stecchino). Se tende a scurire troppo, coprire con un foglio di alluminio.
Sfornare e lasciare intiepidire su una griglia, poi tagliare a fette.
Ottimo per l’aperitivo o da accompagnamento a zuppe.



Senza titolo


Questa ricetta partecipa alla nuova raccolta Menu Lib(e)ro organizzata da Aiù.
Info su come partecipare qui, pagina FB con tutte le ricette pubblicate qui.

7 giugno 2018

Spicy Red Pepper Hummus - Hummus speziato con peperoni


Secondo appuntamento col Menu Lib(e)ro, la nuova raccolta dedicata a ricette interamente prese dai numerosi libri di cucina che invadono le nostre librerie, dedicato agli stuzzichini da consumare all’aperitivo o in qualsiasi momento si abbia voglia di qualcosa che ci solletichi il palato ☺
Nostro Chef ospitante è Lucia, che ci ha accolto con un vassoio carico di Burekas, una tipica golosità israeliana.
Per l’occasione ho scelto una ricetta dal libro Bring it! di Ali Rosen appena acquistato, dove l’autrice dispensa consigli e ricette per un casual entertaining, ricette facili e veloci da portare e condividere in ogni occasione.
E mi sembrava l'occasione giusta per iniziare ad assaggiarlo proponendo uno stuzzichino semplice diventato molto popolare anche da noi, che richiede poco impegno nella sua preparazione, in questa versione reso più accattivante e saporito dal guizzo piccantino di peperoni e spezie.


spicy red pepper hummus


Ingredienti:
1 peperone rosso
400/450 g di ceci cotti
il succo di un limone
2 cucchiai di salsa tahini
3 spicchi di aglio spremuti
mezzo cucchiaino di sale
1/4 di cucchiaino di pepe bianco Penja
1/2 cucchiaino di coriandolo in polvere
1/4 di cucchiaino di cumino in polvere
1/4 di cucchiaino di pepe di cayenna
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva



spicy red pepper hummus



Arrostire il peperone in forno a 180/200° finchè ben abbrustolito, trasferire in un sacchetto di carta e poi in uno di plastica; oppure cuocere sulla griglia del barbecue, 2 minuti per parte per un totale di 8/10 minuti finchè ben arrostito. Quando freddo, eliminare la pelle, i semi e filamenti interni e taglarlo a cubetti.
Scolare i ceci, trasferirli in un frullatore insieme al succo del limone, alla salsa tahini, all’aglio, all’olio, al sale e al pepe e a tutte le spezie. Frullare finchè ben cremoso, se necessario allungare con un po’ di brodo vegetale o acqua. Unire anche il peperone a dadini ed amalgamare.
Servire con crostini.
Conservare in frigo in un contenitore ermetico anche per una settimana, avendo l’accortezza di mescolarlo di nuovo prima di servire.



bring it!


Questa ricetta partecipa alla nuova raccolta Menu Lib(e)ro organizzata da Aiù.
Info su come partecipare qui, pagina FB con tutte le ricette pubblicate qui.

23 maggio 2018

Garibaldi per il Menu Lib(e)ro


Primo appuntamento con la nuova raccolta nata da un'idea di Marta e con la progettazione di Aiu'un nuovo progetto, un altro gioco, un'ennesima scusa per provare nuove ricette e condividerle con chi ci segue e ci legge. Costruiremo un intero menù, nel corso delle varie settimane, partendo da ricette prese dai libri. Informazioni più dettagliate e regole per partecipare qui, la nostra pagina FB per gustare ogni singola partecipazione qui.
E come ogni buon ritrovo tra vecchi amici, brindiamo insieme a questa nuova avventura, ognuna col suo cocktail/aperitivo scelto per l'occasione e portato allegramente da Aiù.



GARIBALDI

Un long drink, pre-dinner, semplice ma comunque d’effetto per il suo bel colore, rosso come le camicie garibaldine. Celebrazione dell’eroe dei due mondi, unisce la fragranza e la solarità della Sicilia, intesa come capolinea dell’unificazione, al rosso intenso che richiama la tinta accesa delle divise garibaldine. Un long drink buono come aperitivo, con il fresco gusto agrumato su quello a tendenza amara del Bitter.


garibaldi


Ingredienti:
3/10 di Bitter Campari
7/10 di arancia spremuta
tumbler medio o alto


Mettere del ghiaccio nel bicchiere, aggiungere il Bitter e poi il succo di arancia, per un bel contrasto di tinte calde. Guarnire con una fetta di arancia.
Prima di sorseggiarlo mescolare bene per amalgamare i sapori e i colori che devono tendere complessivamente al rosso.



garibaldi

Ricetta dal libro Aperitivi & Cocktail edito da Gribaudo per Il Giornale.


garibaldi


Questa ricetta partecipa alla nuova raccolta Menu Lib(e)ro organizzata da Aiù.
Info su come partecipare qui, pagina FB con tutte le ricette pubblicate qui.

Template Design | Elque 2007