14 giugno 2009

A pranzo all'Elba ... con una salsina pisana - WHB # 187


Siamo finalmente all'Elba!
Partiti ieri mattina alle 4.40 che albeggiava, viaggio perfetto, poco traffico, neanche 4 ore dopo (con pausa caffè e rifornimento metano) eravamo già a Piombino, traghetto anticipato e alle 10.15 sbarco sull'isola. Piccola spesa, soprattutto ami per la pesca per i piccoli e via a casa per scaricare in fretta e fiondarsi subito in spiaggia. La voglia di mare era tanta, ogni volta che torniamo è come se ci fossimo salutati il giorno prima; si ritrovano con gioia ed entusiasmo vecchi amici, si riscoprono profumi, colori e sapori assopiti durante l'inverno ma che all'improvviso riesplodono in tutta la loro vivacità.
Il sole ci avvolge col suo grande tepore, le creme ci proteggono dai suoi raggi infuocati, il blu del mare è irresistibile e invita a tuffarvicisi dentro e con sorpresa l'acqua è gradevolissima, poche bracciate e tutta la magia di Forno si riflette in questa piccola baia ... il paradiso lassù può attendere ancora, per il momento ho trovato il mio qui!

Susan e Mario molto gentilmente mi hanno subito invitato a pranzo sulla loro incantevole terrazzetta. Sulla tavola azzurra, quasi più azzurra del mare , un bellissimo centrotavola di fiori di fico d'India. Un pranzo di mare, leggero e nel contempo gustoso: pesci di giornata dalla nassa di Mario (occhiate, sugarelli e anche un piccolo barracuda), lessati, freddati, spolpati e poi conditi con olio e limone e una spolverata di prezzemolo, patate profumate alla borragine, caponatina di melanzane, zucchine e pomodori dell'orto, e per finire una coppetta di fragole e ananas.


Con il pesce Mario ci ha servito una salsina all'aglio molto stuzzicante e della quale mi sono fatta dare prontamente la ricetta.
E' tratta dal libro "La Cucina Toscana" di Giovanni Righi Parenti, e mi ha colpito molto come è scritta, sembra quasi di sentire parlare la vecchia donna di casa nella sua grande cucina che te la spiega mentre la sta facendo: non ci sono dosi e pesi ma tutto ad occhio, proprio come si faceva una volta nelle grandi cucine di campagna...anzi, per questa salsa in quelle di Marina di Pisa. Riporto fedelmente:
Pestare l'aglio (uno o due spicchi, dipende dalla loro grandezza ed intensità) insieme ad un pizzico di pepe o peperoncino, una midolla di pane bagnata nell'aceto ed un tuorlo d'uovo assodato: si prepara una specie di pastella che si diluirà a piacere con aceto (io non ne ho messo, mi sembrava abbastanza quello della mollica del pane) ed olio. Talvolta la stessa salsina si prepara aggiungendo pochi capperi che le danno un gusto più accentuato.




Questa ricetta partecipa al WHB # 187 ospitato da Katie di Eat This
This recipe participates to WHB # 187 hosted by Katie from Eat This
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!


Garlic Dip


Welcome to Elba!
Every time we are back here it is as if we had greeted the day before, we are pleased to meet again old friends, to rediscover fragrances, colors and flavors we lost in wintertime but suddenly embrace us with their vitality.
The sun wraps us with his great warmth, creams protect us from his burning rays, the blue of the sea is irresistible and calls to jump inside and surprisingly the water is very pleasant, a few strokes and all the magic of Forno is reflected in this small bay ... heaven up there can wait, I found my here now!

Susan and Mario invited me to lunch on their beautiful tiny terrasse. On the blue table, almost like sea, a beautiful flower centerpiece of Indian figs. A light but tasty sea lunch: fish of the day by Mario pot (occhiate, horse mackerels and even a small barracuda), boiled, cooled, made filets and then seasoned with olive oil and lemon juice and a sprinkling of parsley, potatoes scented with borage, eggplant, zucchini and tomatoes salad from Mario's kitchen garden and a cup of strawberries and pineapple for dessert.


Mario served a very tasty garlic dip with the fish, it is an ancient recipe originated in Pisa:

Crush garlic in the mortar (one or two cloves, depending on their size and intensity) together with a pinch of pepper or chili, marrow bread wet in vinegar and a hard boiled egg yolk: prepare a kind of batter to dilute with vinegar (I missed, it was sufficient what bread had absorbed) and extravirgin olive oil. Sometimes the sauce is prepared adding a few capers to give it a stronger taste.

Round up WHB # 187

13 commenti:

natalia ha detto...

Che bellezza ! Buone vacanze !!!

Nanny ha detto...

Bellissima la descrizione del'Isola,del meraviglioso mare e dei piatti a base di psce.Davvero molto particolare la ricetta di questa salsina,con il pesce va a braccetto,assolutamente da provare.Buon soggiorno!

Dida70 ha detto...

ahhhh cindy...che bellezza questo post...fa rilassare al solo leggerlo!
goditi questo paradiso anche per me!
un abbraccio
dida

Simo ha detto...

Che meraviglia....già mi colpì lo scorso anno, quando vidi le foto...dov'è esattamente il posto?
Alla Biodola?
Un bacione

stefi ha detto...

Una salsina davvero stuzzicante e saporita!!!!!
Mi sa che la copio!!!!!!
Ciao a presto!!!!!

JAJO ha detto...

Quando stamattina ho visto la mail con la foto della caletta ti ho invidiata moltissimo (tanto che nel pomeriggio non ho potuto fare a meno di andare al mare... anche se non è l'Elba :-D): adesso, dopo la descrizione della cenetta, ti invidio ancora di più !!
Buon mare ragazzi !!!!!
Divertitevi ed anneriteviiiii !!!!!!

Cindystar ha detto...

Grazie a tuttissimi e buone vacanze anche a voi!

Simo, sì, è vicino alla Biodola!

Bacio e buonissima settimana!

Anonimo ha detto...

che posto da sognoooo....traun tuffo e l'altro se puoi mi rispondi su cook ;-)
chiara

Cindystar ha detto...

Tra un tuffo e l'altro ti ho risposto!
bacio!

Daphne ha detto...

WAUU! che invidia..e che colori e che mare stupendo!

Cindystar ha detto...

Grazie, Daphne, è proprio così come lo si vede in foto!

Anonimo ha detto...

Ciao Cindy!
Non so se ti ho fatto già i compli per il tuo strepitoso blog....se ho mancato, vedo di farteli ora.
Adesso vado a leggere le tue ricette fantastiche e spiegate così bene come sai fare solo tu...
ci manchi tanto su Cookaround,sai? Perlomeno, manchi a me!:)
Buon ferragosto!
Stregonza-Caterina

Cindystar ha detto...

Ciao Cateeeeeee, che bella sorpresa!
Grazzissime per i complimenti, sei un tesoro, ma vedrai che presto torno su Cook, è stata una pausa estiva dovuta soprattutto per lentezza di caricamento delle pagine mentre ero al mare... e poi ho voglia di riprendere i cucinare insieme!
Buonissimo Ferragosto anche a te!!!

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007