13 novembre 2012

Minestra di castagne per l'Abbecedario Culinario


 English recipe here


Siamo proprio alla fine con l'Abbecedario Culinario, organizzato dall'intraprendente Trattoria MuVarA, ed ancora per pochi giorni ospiti di Roxy di Curiosando in Cucina per la regione Emilia Romagna.
Che dire di questa regione? Una goduria di ghiottonerie per gli appassionati food-isti più esigenti: dai salumi più prelibati come il culatello di Zibello al formaggio italiano per antonomasia, il Parmigiano Reggiano, alla varietà di ciliegie più buone che io abbia mai assaggiato, il Durone di Vignola, al condimento più aromatico come il vero aceto balsamico, dalla classica sfoglia fatta in casa (ma di questa parlerò in un post a parte) per avere poi le classiche tagliatelle e i saporiti cappelletti, senza dimenticare gnocco fritto, tigelle, mortadella, felino, squacquerone, zamponi e cotechini, la mitica Barozzi, il sale di Cervia (niente da invidiare al francese fleur de sel :-), solo per citarne alcuni tra i più noti.
Cercando fra le ricette in rete mi ha incuriosito questa che ho provato della Cucina del Corriere della Sera, facendomi scoprire una varietà di castagne a me sconosciuta: i Marroni di Castel del Rio.

Questo marrone ha ottenuto il riconoscimento europeo IGP grazie alla tutela del Consorzio locale, operativo dal 1985, per agevolare il recupero, il mantenimento ed il miglioramento dei boschi di castagno (detti selve castanili) dell'Alta Vallata del Santerno, veri giacimenti dove in autunno si raccolgono i prelibati marroni di Castel del Rio.
Il marrone si distingue dalla castagna principalmente per il gusto: più dolce e profumato, racchiude ed esalta gli aromi e i sapori del bosco. Inoltre ha una pezzatura molto maggiore della castagna, tanto è vero che un riccio racchiude al massimo 2 o 3 frutti. Ultima delle sue qualità,  è protetto da una buccia bruna e da una sottile pellicina che possono essere asportate con estrema facilità, operazione quasi impossibile con le castagne.
Nel Medioevo castagne e marroni rappresentavano preziose merci di scambio grazie alla possibilità di una lunga conservazione. Venivano immersi in acqua per 8 giorni, in modo da provocare una leggera fermentazione, venivano poi fatti asciugare in luogo aerato, raccolti in rete e conservati dall'autunno alla primavera successiva. Si pensi che erano apprezzati fino a Parigi e al Cairo.
Il marrone è un frutto sano e genuino, che viene coltivato senza l'impiego di alcuna sostanza chimica. Oggi conservare i marroni è molto più semplice e se ne può quindi assaporarne il gusto tutto l'anno. È sufficiente metterli in freezer negli appositi sacchettiper avere una scorta di bontà a portata di mano.
E' interessante anche la storia del marrone, base dell'alimentazione delle genti montane per secoli, basti pensare che nel 1885 i castagneti ricoprivano il 40% del terreno coltivato nel Comune di Castel del Rio.
Sul sito del Consorzio sono riportate anche altre interessanti e golose ricette

Questo è il momento più propizio per le castagne, giusto l'altro giorno era San Martino, per noi da sempre sinonimo di castagne e vino :-).
Per questa minestra ho utilizzato i marroni avanzati, anche se già cotti al forno vanno benone (non si spreca nulla :-), a patto che siano ancora morbidi, basterà sbucciarli  e sono pronti per l'utilizzo (qualche secondo nel microonde alla massima potenza aiuta sempre la sbucciatura :-).


minestra di castagne


Per 4 persone:

300 g di Marroni di Castel del Rio (freschi o essiccati)
1 cipolla tritata fine
20 g di burro *
timo fresco
dado homemade o sale/pepe
brodo vegetale e/o latte

* ho usato olio extravergine di oliva


 minestra di castagne


- Sciacquare le castagne secche e metterle in ammollo in acqua tiepida per 10 ore per farle rinvenire. Poi scolarle ed asciugarle.
- Usando quelle fresche si sbucciano facilmente così: inciderle e metterle in una fondina nel microonde, un paio di minuti a potenza massima, aspettare solo qualche secondo che si intiepidiscano e voilà, si sbucceranno in un baleno!
- Fare un leggero soffritto con la cipolla (ho aggiunto anche mezza gamba di sedano tritata fine), unire un goccio di acqua per volta per lasciarla appassire a fiamma bassa per circa 10 minuti, finchè diventa quasi trasparente, mescolando ogni tanto.
- Unire  le castagne, farle insaporire per qualche minuto. Salare o aggiungere il dado homemade, coprire con abbondante latte o brodo vegetale (fatto metà di ognuno): quando bolle abbassare la fiamma al minimo e lasciare cuocere con coperchio fino a quando le castagne saranno tenere, aggiungendo altro brodo/latte se occorre (circa un'ora, un'ora e mezza, e con retina spargifiamma).
- Ridurre a crema con il passaverdure o il minipimer e lasciare riposare 10 minuti.  Guarnire poi con timo fresco e una castagna lessata, a piacere servire anche con crostini di pane.


 minestra di castagne


La minestra è gradevole consumata anche fredda. Se addolcita con zucchero, si trasforma in dessert (ma non l'ho provata :-).






Questa ricetta partecipa alla raccolta Un coccio al mese per 12 mesi di Max.

7 commenti:

Kay Ellen ha detto...

Looks yummy my sweet Flickr freidn!!

Thanks for sharing:))
Happy Thanksgiving!

xo
Kay Ellen

Max ha detto...

OOOpppssss...Non avevo ricevuto la notifica...Quando parli di Emilia Romagna a livello culinario, chiudo gli occhi e sogno, ci sono dei prodotti davvero unici. Direi che la minestrina è davvero gradevolissima e son ben lieto di accoglierla tra le altre ricette, sarei più contento se potessi assaggiarla...Un abbraccio e buon week-end. Baci.

Cindystar ha detto...

Key E., thanks for passing by,
have a nice Sunday! :-)

Max, vale ance l'assaggio virtuale :-)
Buonissima domenica zupposa anche a te! :-)

cucinalà ha detto...

Dopo esserci conosciute ieri, non potevo non passare per il tuo blog.
Che belle queste foto! La zuppa mi sa che la provo proprio.
Ho visto le foto della tavola apparecchiata per San Martino, una meraviglia!
Ora ti aggiungo tra i preferiti.
A presto
Laura
cucinalà

Cindystar ha detto...

Grazie, cara, mi ha fatto moltissimo piacerissimo incontrarti ed ora vngo anche io a vedere cosa spadelli :-)
Buonissima settimana! ... e se domenica sei in zona Navigli ci sono al mercatino benefico proprio all'inizio, ma troverai ogni info sul mio blog venerdì o sabato ;-)

cucinalà Laura ha detto...

Magari fossi di nuovo a Milano, conto di tornarci presto!
Grazie di essere passata per il mio blog.
A presto
cucinalà

Cindystar ha detto...

Laura, io dovrei anche venire a Padova, chissà che non ci riesca prima di Natale, altrimenti subito dopo :-)
Un abbraccio!

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007