10 marzo 2009

Kela ka Rayta, Nimki, Royal Bengal Tiger Tea- India


Joan's "Culinary Tour Around the World" has arrived in India!

I would like to thank her for this great idea, we are travelling along so many countries we might never visit and have so lovely experiences reading each other blogs and learning so many things about foreign cultures and kitchens. Never forgetting her great effort to keep us all concentrated and united in aid of world famine through BloggerAid's big community.India is a very wide country and food vary from region to region.
Therefore Indian kitchen is very rich and it's an amazing result of so many different regional kitchens, each peculiar and delicious.
In the North, with a temperate climate, breeding rams is very popular and lamb is cooked slowly in oven. Going to the South, passing through Delhi and Punjab, we find richer food: they eat chicken too, and ghee is mostly used. Bread is preferred to rice. On East coast, around Bengal Bay, fish is largely used, for sea and numerous rivers all around. Hot and humid climate helps palm tree grow easily and coconut is so often used in recipes.
On West coast, in Gujarat, most people are vegetarian and they largely eat vegetables and cereals as well as in Tamil Nada, at the very South.
In Goa and Malabar humid and tropical climate allows to grow coconut, banana, date palm trees, and fish and crustanceans are numerous.
In South India the foodstar is rice and steamed food is the most favourite. Quite all dishes are traditionally very hot, much more than in Northern regions.
India counts several and different races and religions, very influent about food, with rules to be respected. Muslims and Jews don't eat pork, while for Hindus and Sikhs beef is forbidden. Quite most Hindus are strictly vegetarians, but many include fish and crustanceans in their diet because they are considered "harvest of the sea".
When you cook Indian recipes don't be afraid about how much spices or chili to put inside, be generous as you like, keep the recipe lighter if you like, or add some more ingredients if you need. As Indians say. it's your personal touch "Hath ki bat" that makes the difference!


I have a very nice book about Indian recipes, I've been reading it for a week but yet was so undecided what to cook. Eventually, I did something simple and suitable for my family, they are not so keen on spices. But I would not forget tea, as India is one of the major producer in the world and Darjeeling is considered the world's finest tea, and almost all of it is exported.






Kela ka Rayta


Basically, Rayatas are refreshing yoghurt drinks which accompany the main meal. Kela ka Rayata is also eaten as an accompanying dish, primarily in the vegetarian cuisine.
More recently, excellent refreshing drinks have originated from these yoghurts by adding ice cold mineral water.






You need:

10g. butter
1 tablespoon grated fresh coconut
200ml. yoghurt
half very ripe banana
half teaspoon fresh mint
3 tablespoon mineral water

Heat butter, roast coarsely grated flesh of coconut briefly and leave to cool. Put yoghurt, coconut flesh, banana and mint in the mixer and mix well. Pour the mixture into a long drink glass and fill up with ice cold mineral water. Mix well and serve immediately.
Kela ka Rayta is mainly served after or even during the meal.
For those who do not want to go to the trouble of opening a fresh coconut, coconut flakes or grated coconut may be substituted.

Recipe by Laura Conti


Nimki


A sort of crispy cracker, a sort of chip. Ideal for coktails, aperitifs, happy hours.

Terribly contagious...you won't be able to stop eating...one gets the other in your mouth!






You need:

125g. plain flour
15g. butter or ghee
60g. water
a large pinch of chili powder
a pinch of sugar
half teaspoon of onion seeds
(couldn't find them, put poppy seeds)
half teaspoon of salt
seed oil to fry


In a bowl mix flour, salt and butter with fingers making crumbles.
Add chili, sugar, onion seeds and water and knead. Roll out pastry at about 0,3cm. thickness (I used pastamachine of my kneader), prick on it with the tips of a fork, cut in stripes 2,5cm. large. Then cut diagonally to have lozenges. Fry them in hot oil for few minutes, strain well on kitchen paper.
Can be prepared 2/3 days in advance, just keep them in tin airtight boxes.



Royal Bengal Tiger Tea
Cognac Indian Tea



This tea is one of the reliefs of the Empire. It was created by British colonial officers in Darjeeling. The guard in the minute narrow gauge train, which has been running the route from the plateau of North Bengal into the lower heights of Himalayas since 1881, remebered the Sahibs who eked out the tea served in the salon coupé with cognac to taste. The higher the train built in Scotland climbed, the more cognac flowed into the tea. The fact that the outer rail of the train was laid higher than the inner one so that in the event of a derailment it would fall towards the mountain on a bend, did not seem to be of much comfort. The percentage of cognac in the tea increased at the same rate as the train climbed until they reached Darjeeling, the summer residence of the British Colonial Headquearters of Bengal.





You need:

1 teaspoon lemon juice
1 teaspoon sugar syrup
3 tablespoons cognac
ice cubes
strong black tea
a slice of lemon to garnish


Stir lemon juice, sugar syrup and cognac in a mixing glass. Pour the mixture into a large tumbler filled half full with ice and top up with ice cold tea. garnish with a slice of lemon and serve with a straw in the afternoon or evening.

Recipe by Laura Conti





Il "Tour Culinario Intorno al Mondo" di Joan è arrivato in India!
Vorrei tanto ringraziarla per questa grande idea, stiamo percorrendo così tanti paesi che difficilmente potrò mai visitare ed ogni volta è un'esperienza unica, apprendendo così tante cose su culture e cucine straniere anche solo leggendo i blogs dei partecipanti. E non dimentichiamo il suo grande impegno per tenere tutti noi concentrati e uniti a favore della fame nel mondo attraverso BloggerAid e la sua grande comunità.
L'India è un paese molto sconfinato e i cibi variano da uno stato all'altro. La sua cucina, assai ricca e variegata, è il risultato di diverse cucine regionali, ognuna con un proprio carattere ma tuttte ugualmente deliziose. Nel Nord, dove il clima temperato permette l'allevamento di montoni, l'agnello viene cotto nel forno, molto lentamente. Spostandosi verso sud, attraversando Delhi e il Punjab, l'alimentazione diventa molto più ricca: oltre all'agnello si consuma il pollo e per cucinare si usa principalmene il ghee (burro chiarificato). In queste regioni si preferisce il pane al riso. Sulla costa orientale, nella Baia del Bengala, grazie al mare a ai numerosi fiumi abbonda il pesce.
Il clima torrido e umido è favorevole alle palme da cocco e quindi il cocco compare spesso nelle ricette di quelle zone. Sulla costa occidentale, nel Gujarat, dove la popolazione è in maggioranza vegetariana, si fa un gran consumo di cereali e verdure, come pure nel Tamil Nadu, nell'estremo sud. Nel clima umido e tropicale del sud-ovest, a Goa e Malabar, crescono in abbondanza datteri, palme da cocco, banane e vi sono pesci e crostacei in abbondanza. Nell'India del Sud si prediligono il riso e i cibi cotti a vapore. I piatti sono piccantissimi per tradizione, molto più che al Nord.
Essendo un paese di svariate razze e religioni è proprio la religione a influenzare maggiormente l'alimentazione con rigide regole da rispettare. Per esempio, Musulmani ed Ebrei non mangiano carne di maiale, mentre per gli Indù e i Sikh è vietata la carne di manzo. Sebbene molti Indù siano vegetariani, molti includono nella loro dieta pesci e crostacei perchè li considerano "un raccolto del mare".Ho un bel libro di ricette indiane, che ho letto e riletto, ed ero veramente indecisa su cosa cucinare. Infine, ho fatto qualcosa di semplice e consono alla mia famiglia, i miei uomini non sono così appassionati di spezie come me. Non potevo dimenticare il tè, dato che l'India è uno dei principali produttori nel mondo e il Darjeeling è considerato il té più buono al mondo, ed è quasi tutto esportato.


Kela ka Rayta


I Rayatas sono drinks rinfrescanti a base di yogurt che accompagnano il pasto principale. Kela Rayata ka può essere anche un piatto di accompagnamento, soprattutto nella cucina vegetariana.
Recentemente, da questi yogurt freddo hanno avuto origine eccellenti bevande rinfrescanti con l'aggiunta di acqua minerale ghiacciata.

 Ingredienti:

10g. di burro
1 cucchiaio di cocco fresco grattugiato
200ml. yogurt
mezza banana molto matura
mezzo cucchiaino di menta fresca tritata
3 cucchiai di acqua minerale





Riscaldare il burro, arrostire la polpa del cocco grattugiato brevemente e lasciare raffreddare. Mettere lo yogurt, il cocco, la banana e la menta nel mixer e mescolare bene. Versare il composto in un bicchiere da long drink e allungare con acqua minerale fredda. Mescolare bene e servire immediatamente.
Il Kela ka Rayta è servito soprattutto dopo o anche durante il pasto.
Per coloro che non vogliono sprecare una noce di cocco fresco, si può benissimo usare cocco grattugiato o a scaglie già pronto.


Nimki


Cracker croccante o chip fragolosa? Ideale per coktails, aperitivi, happy hours.
Terribilmente contagiosa ... una tira l'altra...come le ciliegie, non si riesce a smettere di mangiarne!




Ingredienti:

125g. di farina
15g. di burro o di ghee
60g. di acqua
un grande pizzico di peperoncino in polvere
un pizzico di zucchero
mezzo cucchiaino di semi di cipolla
(se non si trova, mettere semi di papavero)
mezzo cucchiaino di sale
olio di semi per friggere

In una ciotola mescolare farina, sale e burro con le dita e sbriciolare.
Aggiungere peperoncino, zucchero, semi di cipolla e acqua e impastare. Stendere la pasta a circa 0,3 cm. di spessore (io ho usato la sfogliatrice), bucherellarla con le punte di una forchetta o l'apposito attrezzo, tagliare con la rotella a strisce di 2,5 cm. Poi tagliare in diagonale a rombi. Friggere in olio bollente per pochi minuti, asciugare su carta da cucina.
Possono essere preparate 2/3 giorni in anticipo, conservarle in scatole a chiusura ermetica.



Royal Bengal Tiger Tea
Tè indiano al cognac


Questo tè è uno dei ricordi dell' Impero Inglese. E 'stato infatti creato al tempo del colonialismo britannico nella regione di Darjeeling, residenza estiva per gli ufficiali e le loro famiglieper sopportare meglio il clima caldo e afoso di quella stagione.


Ingredienti:

1 cucchiaino di succo di limone
1 cucchiaino di sciroppo di zucchero
3 cucchiai di cognac
cubetti di ghiaccio
forte tè nero
una fetta di limone per guarnire

Mescolare il succo di limone, lo sciroppo di zucchero e il cognac. Versare il composto in un bicchiere alto (tumbler), riempito con ghiaccio e aggiungere il tè freddo. Guarnire con una fetta di limone e servire con una cannuccia nel pomeriggio o di sera.

9 commenti:

Joan Nova ha detto...

Another wonderful post and I love the staging of your photos. They really tell a story. Thanks!

aldarita ha detto...

Certo, aspetto con impazienza la traduzione di domani, ma, questa sera, sono appagata dalle foto.

Elra ha detto...

Cindy dear, you did your homework pretty well. I really like Indian food, there are so many dishes, snacks, drinks, and sweets that I haven't tried. Including this namki. The yogurt drink sound delicious too, though I am not particularly sure by the banana, one must try before say no.
Cheers,
elra

Cindystar ha detto...

Thank you very much, Joan, I had a very nice time...also looking for the most suitable among my fabrics!

Alda, in giornata arriva, grazie della tua pazienza!

Elra, thanks! I was pleased by the yogurt drink, I like banana, but I would prefer witn natural water...I don't like very much fizzy one!

natalia ha detto...

Ciao ! Che meraviglia,hai scelto delle bellissime ricette !! Sono un po' 'preoccupata' per la Mongolia: come sarà il tempo ? Buona giornata !!

Mirtilla ha detto...

che ricette meravigliose!!
attendo con ansia la prossima pubblicazione ;)

Cindystar ha detto...

Ciao Natalia...secondo me c'è un freddo cane in Mongolia...bisognerà cercare qualche ricetta riscaldante...anche se non sarà facile!...sarà lungo e faticoso arrivare fin lassù!
Buona seratina!

Mirtilla, sono un po' in ritardo ma nel finesettimana arriva anche la traduzione in italiano. La prossima tappa sarà la Mongolia...chissà cosa ci aspetterà!

FrancescaV ha detto...

bellissimo questo angolo indiano GNAMMS

Cindystar ha detto...

Oh grazie, Fra...mi sono proprio divertita, e poi l'India, sebbene non ci sia mai stata, ha un fascino particolare su di me!
Buona seratina!

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007