20 marzo 2009

Violet Cup

E' quasi primavera, le temperature si sono alzate (anche se stamattina c'è un venticello molto frescolino!), le piante e i fiori si stanno risvegliando e tutto il giardino sta riprendendo colore e vitalità. Ho il prato invaso dalle pratoline, le mie preferite, e a macchie e negli angoli dei vasi e delle aiole fanno capoline bellissime violette, che vanno dal lillà più tenue al viola più scuro, una meraviglia! Anche quando vado a camminare con le amiche vediamo di quelle chiazze nei boschi spettacolari, ci sono persino le più rare bianche, facciamo anche le foto coi cellulari ma poi non rendono la stessa bellezza, e ogni tanto qualche piantina di quelle più viola me la porto a casa..basta piantarla in un angolino dei vasi e si moltiplicherà negli anni con piacere!
Sfogliando il mio bel libro di cocktails di Laura Conti ho trovato questo meraviglioso aperitivo che mi ha subito conquistato, "bollicioso" e spumeggiante come piace a me!
L'abbiamo gustato ieri sera per onorare la festa del papà, in piccole dosi anche ai piccoli ... forse ho esagerato con le violette nel bicchiere, ma...anche l'occhio vuole la sua parte!
Devo ammettere che una nota floreale si sentiva davvero!
Un aperitivo perfetto per questi primi mesi primaverili, molto indicato per feste in giardino.


Ingredienti:

un bel bicchiere di violette, meglio senza gambo
il succo di 3 arance bionde
(oppure 2 bicchieri di succo naturale in cartone)
1 bottiglia di vino bianco secco
50g. di zucchero
1 bottiglia di Champagne o Prosecco ghiacciata

Lavare e asciugare delicatamente le violette, metterle in un contenitire di vetro con il succo di arancia e la bottiglia di vino, coprire e lasciare in infusione 3 ore. Poi filtrare, aggiungere lo zucchero sciolto in un pochino di acqua, mettere in una bella caraffa o in una coppa di vetro e aggiungere lo Champagne o il Prosecco poco prima di servire, decorando con qualche fiore di violetta fresco.



Le violette erano il fiore preferito da Napoleone e sua moglie Giuseppina.
La stessa Giuseppina, non così particolarmente fedele e innocente, per contrasto amava così tanto "i fiori dell'innocenza" da preferirli come fiori, nei profumi, nei dolci, nei rosoli e nelle bevande. Le fece piantare in mezzo alle rose nel giardino della Malmaison, e se ne prendeva cura personalmente. In una delle sue più "inebrianti" serate lanciò il suo piccolo bouquet di violette nel vino e da questo gesto nacquero le basi della Violet Cup, che si perfezionò poi nel tempo.
Questo fiore divenne ben presto il simbolo della famiglia Bonaparte. Quando Napoleone partì per l'Elba promise ai suoi fedeli che sarebbe ritornato per la prossima fioritura delle viole. Furono piantate poi sulla tomba di Giuseppina e prima di partire per Sant'Elena Napoleone ne raccolse alcuni fiori che essiccò e portò con sé in un piccolo contenitore fino alla tomba.

Per saperne di più sulla storia delle viole leggete qui.

Questa ricetta partecipa alla "Raccolta di ricette solari" di Gialla
Questa ricetta partecipa al contest "Ci piace un succo" di Lost in Kitchen






This cup made out of fresh violets has to be made in March or April, when the violet blossoms first open in the spring sun.
It 'almost spring, temperatures are more comfortable (even ithough this morning is very breezy and windy!). Plants and flowers are waking up at the first warm sun and all the garden is getting up color and vitality. My garden is full of my favorite tiny daisies* (bellis perennis), and spots of violets in the pots and flower-beds are wonderful, ranging from lilac to dark purple! Even when I go walking with my friends we admire those spectacular spots in the woods, with rarer whites too, and I never miss to bring some little plants at home ... you just plant them in a pot and they will grow easily and multiply over the years!
In my cocktails' book by Laura Conti I found this wonderful drink, I have been soon conquered, so sparkling as I like!
We had it last night to honor Dad's Day and as a joyfull tribute to incoming Spring!
Very suitable for Garden Parties.

*did you know that daisy is a corruption for day's eye because the whole head closes at night and opens in the morning?



a large wineglass of fresh violet blossoms without stalks
juice of 3 oranges
(or 2 large glasse of bottled orange juice)
1 bottle dry white wine
50g. sugar
1 chilled bottle of Champagne or Prosecco

Wash the fresh violet blossoms well, put dry, put into a glass bowl with the orange juice and the bottle of wine. Cover and set aside for 3 hours. Then pour through a sieve, mix with sugar dissolved in a little water, pour into a pinch ball and cadd hilled Champagne or Prosecco directly before serving. Sprinkle a few blossoms into the cup to garnish.

Recipe by Laura Conti


Violets were incidentally Napoleon Bonaparte and his wife Josephine Beauharnais's favourite flowers. The not particularly faithful and not particularly innocent Josephine loved the "flowers of innocence" as flowers, perfume,dessert with sugar, syrup and drink. At one of her intoxicating celebrations she threw violet bouquets into the wine and therefore formed the basis for Violet Cup, which was only perfected later in the Palatinate area.
This flower soon became the symbol of Bonaparte family. When Napoleon left for Elba , he promised to be back for the next violets' flowering. They were then planted on Josephine's grave and before leaving for St. Helena Napoleon picked some fresh flowers, dried them and brought along in a small box.

12 commenti:

furfecchia ha detto...

adoro le violette! sono il mio fiore preferito e mi piace un sacco il loro aroma!
anche io le ho in giardino quasi quasi....
Silvia

pizzicotto77 ha detto...

che buono, sa di primavera!!!!!

Lisa ha detto...

che bello!!!! un peccato berlo!! :-D

Joan Nova ha detto...

bellissima.

Elga ha detto...

Bellissimo! Adoro i fiori in cucina,e questo aperitivo è fantastico, come le foto!

Pupina ha detto...

Goloso e rinfrescante: fa una gola!

Moki ha detto...

Ceto che ne sia una più del diavolo!! Bellissimo e senz'altro buono.

Elra ha detto...

I love how you decorate the drink with violet like that, it certainly make it more beautiful.

By the way, you may join Natalia and me to make Columba together. We haven't decide when we are going to post the recipe. I also check the link that you've send me. I love the step by step, and I think I can do it. I am still waiting for the mold too. For the sourdough, you mean the starter, right? I have it, still alive and healthy.
I am so excited, I think Natalia will be happy too that you are going to join.
Baci,
elra

Francesca ha detto...

Bellissimo questo aperitivo con le violette di decorazione..anch'io domenica sono andata a fare una bellissima e lunghissima passeggiata sull'argine e ho raccolto le violette..sono bellissime ..
Mi piacerebbe tanto avere un giardino per farle crescere ma ho solo una terrazza con tanti fioretti e piante..secondo te si possono piantare in un vaso?

Gialla ha detto...

Ottima idea... nonostante le tue dificoltà hai fatto una proposta particolare che nessuno ha pensato e soprattutto tra le mie preferita anche dal punto di vista visivo!
Brava!
A prestissimo
Gialla

natalia ha detto...

Ciao ! Allora sarò felice di fare la colomba insieme ! La ricetta mi sembra ottima !! Che dici quando la facciamo ?

Cindystar ha detto...

Grazie a tutti!
Thanks to eveerybody!

Silvia, approfitta finchè ci sono, farai un'ottima figura!

Elra, thanks so much, I sent you and Natalia an email.

Fra, piantale pure nei vasi, vedrai si moltiplicheranno e saràuna goia ritrovarle ogni primavera!

Grazie, Gialla, sono contenta ti sia piaciuta, io me ne sono innamorata a prima vista!

Natalia, ho fatto la mail anche a te, poi ci risentiamo!

Baci e buon weelkend!!!

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007