4 maggio 2012

Baci Perugina per l'Abbecedario Culinario


 English recipe here

Continua il viaggio dell'Abbecedario Culinario, organizzato dall'intraprendente Trattoria MuVarA, in questi ultimi giorni ancora in Umbria, ospiti di Cristina.
E da Orvieto  sono risalita qualche kilometro fino a Perugia, capoluogo della regione. Città d'arte ricca di storia e monumenti, polo culturale ed economico della regione, meta di turisti e studenti, essendo sede di due università ... ma non solo, è la culla all'inizio del '900 della Perugina.
E della Perugina ... chi non conosce il famoso Bacio, il cioccolatino che da quasi un secolo ingolosisce ed intenerisce gli italiani?
Da un cazzotto esposto in vetrina a Perugia nel 1922 al Bacio il passo è stato breve, una semplice parola corta, incisiva, che dimostrasse tutto un mondo affettuoso di amore e coccole. 
Una coppia abbracciata (ispirata pare al famoso dipinto di Hayez), il cielo stellato, le veline leggere con le dolci frasi d'amore lo rendono simbolo e messaggero dell'amore in tutte le sue espressioni.
Testimonial d'eccezione come D'Annunzio, Totò e Petrolini, Gassmann e Sinatra poi ne consacrano il successo. Diventano il regalo cult per le feste più importanti, decretano la crescente popolarità anche in Italia della festa della Mamma e quella degli innamorati, arrivando ad essere protagonisti anche il giorno di Natale, la festa formato famiglia per eccellenza.
E i Baci volano sempre più in alto: nel 1997, per i 90 anni della Perugina, un Jumbo dell'Alitalia è interamente decorato di stelline e collega Roma Fiumicino con New York J.F.K.


Pare che il bacio sia nato un'idea di Luisa Spagnoli (imprenditrice umbra di inizio secolo,  famosa anche per la catena di negozi di abbigliamento femminile a suo nome) che per non sprecare i frammenti di nocciola usati per altri cioccolatini pensò bene di mescolarli con ulteriore cioccolato; avendo una forma irregolare vennero chiamati inizialmente cazzotti.
Ma le leggende metropolitane abbondano, e c'è anche chi sostiene, maliziosamente, che i baci furono creati sì da Luisa Spagnoli, moglie di un fondatore della Perugina, ma per il suo giovane amante, tale Giovanni Buitoni, figlio di un socio dell'azienda stessa. Al quale mandava i suoi messaggi di amore scritti in fogliettini arrotolati intorno ai cioccolatini.

 baci perugina


Sin da quando ero piccola una scatola di Baci ha sempre gioiosamente annunciato un ritorno, un festeggiamento, una celebrazione, una piccola festa. Ce li regalavano i nonni quando venivano a trovarci, il mio babbo li portava di ritorno da qualche uscita, si portavano volentieri agli amici se invitati a casa loro; ancora adesso, qualche volta, il marito o un ragazzo mi regala un tubetto di Bacetti ... forse per adularmi dolcemente in cambio di qualcos'altro :-)
Comunque sia, un Bacio è sempre gradito, a tutte le ore, anche se da sempre io faccio morsicare la nocciola a qualcun'altro, per gustarmi appieno invece l'intera montagna di granella e gianduia in un sol boccone :-)
Ci sono molte ricette sul web per fare in casa questi cioccolatini, dopo una rapida occhiata a qualcuna questo è l' intruglio cioccolatoso che ha conquistato i miei uomini, che mi hanno fatto giurare di non cambiarlo mai :-).
Non dovrei dirlo, ma l'unica raccomandazione per cioccolatini strepitosi è l'utilizzo di cioccolato di ottima qualità.


baci perugina  
   quale è vero, quale è tarocco? 


Nelle donne ogni cosa è cuore, anche la testa.
In women everything is heart, event the head.
En les mujeres todo es corazon, incluso la cabeza. 
Bei den Frauen ist alles Herz, sogar der Verstand.
J.P. Richter


Per circa 25/28 cioccolatini:

150 g di nocciole  pelate e leggermente tostate *
130 g di crema spalmabile nocciola/cioccolato
(meglio se bio, tipo la Rigoni, invece della Nutella)
50 g di cioccolato al latte
30 g di cioccolato fondente 60/70%
30 g di cioccolato bianco
1 cucchiaio colmo di cacao amaro

cioccolato fondente 60/70% per copertura, circa 150/200 g

* lasciarne da parte 25/28 per decorare i cioccolatini

Nel robot sminuzzare le nocciole e mettere da parte, sminuzzare poi anche le cioccolate. 
In una ciotola riunire la nutella, le nocciole e le cioccolate tritate, il cacao amaro ad amalgamare bene con una spatola. Lasciare rassodare in frigo 15 minuti.
Formare delle palline della misura di un Bacio vero (più piccole di un noce, i miei poi a confronto con l'originale erano troppo grandi :-) ed appoggiarle su carta forno. Disporre una nocciola su ogni pallina, premendo leggermente.
A questo punto i cioccolatini devono solidificare bene per poter essere immersi nel cioccolato sciolto con facilità: mettere a riposare in frigo coperti per 3/4 ore oppure in freezer per mezzora.

 facendo baci perugina
Sciogliere il cioccolato da copertura a bagnomaria o nel microonde (facendo attenzione che non bruci, un minuto alla massima potenza per volta e mescolare finchè ben sciolto), aspettare pochissimi minuti che non sia più caldo caldo, immergere un cioccolatino per volta e con l'aiuto di una spatolina piatta in acciaio (tipo spalmaburro) prendere il cioccolatino ed appoggiarlo su carta forno (avevo provato con gli stuzzicadenti ma lasciano i buchi :-). Pensavo che appoggiandolo su una grata in modo da lasciare sgocciolare il cacao in eccesso sarebbe stato meglio, ma non è così, restano poi i segni sul fondo del cioccolatino e lo rendono instabile per via dei diversi spessori, quindi va poi rifilato con un coltellino, meglio la carta forno decisamente.
Aspettare che solidifichi e trasferire in frigo, in una scatola chiusa perchè il cioccolato facilmente assorbe gli altri odori.
A piacere servire su dei pirottini o incartare singolarmente. Ottima idea regalo.

Ho provato a ricoprire col cioccolato bianco alcuni baci ma, anche se il cioccolato sciolto era leggermente raffreddato, comunque si sporcava/striava al contatto col cioccolatino scuro. In questo caso penso sia meglio mantenere l'impasto più chiaro possibile, usando solo cioccolato al latte o gianduia e bianco e cacao in polvere chiaro (quello zuccherato per intenderci o nesquik o similare).

 baci perugina
(era la scatola del peanut brittle, non mi ero accorta del caramello rimasto sul bordo interno :-)

10 commenti:

franci e vale ha detto...

Mamma mia Cinzia che meraviglia!! Se li faccio a casa mia ci sarà un delirio!! sono bellissimi!...e sono anche facili! Ma quindi il cioccolato per l'impasto non va sciolto, solo sminuzzato? grazie, franci

Cindystar ha detto...

Proprio così, il cioccolato dell'impasto va solo tritato fine, la nutella fa da legante.
Ti consiglio di iniziare con questa "piccola dose" (o anche la metà) così vedi ed assaggi, poi fai le tue modifiche personali a tuo gusto, puoi mettere il ciocclato gianduia invece di quello bianco, per esempio.
Buon cioccolamento! :-)

Rosa Maria ha detto...

Cindystar sei una grande!!!!!!!!!!!!!!!!!! bellissimo post e i cioccolatini poi.................da rifare assolutamente!!!!

Tiziana ha detto...

mamma mia ti son venuti perfetti, i baci sono sempre buonissimi e tu li hai fatti divinamente!!! belle ricette sul tuo blog!!

Ilaria ha detto...

Ciao, piacere di conoscerti.
Questi cioccolatini sono assolutamente perfetti: proprio come quelli originali. Mi fanno venire un'acquolina in bocca...
Complimenti!!!
Buon fine settimana.

Terry ha detto...

Sei una grande, ti son venuti perfetti!!!! Nondistinguo l'originale!!!! Troppo brava Ci dy...e grazie per la storia, non la conoscevo!

Cindystar ha detto...

Grazie, amiche, vrrei tanto offrirvene uno ma ... sono spariti :-) ... ed è soarita anche tutta la nutella, faccio rifornimento e in settimana baci per tutti! :-)

Ilaria e Tiziana, piacere mio :-)

Buona settimana a tutti e via di corsa in Liguria! :-)

Aiuolik ha detto...

Ecco la F di Foligno in tutto il suo splendore! Grazie per aver partecipato e continua a viaggiare con noi :-)

http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/04/f-come-foligno.html

Ciau!
Aiu'

Simona ha detto...

Che brava, Cinzia. Mangio Baci Perugina praticamente da quando sono nata :)

Cindystar ha detto...

Grazie, Aiù, un'altra bella ed interessante raccolta che arricchisce il tuo Abbecedario!

Simona, grazie, ma come si fa a resistere? :-)

Buonissima settimana!

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007