4 aprile 2008

W la pizza!!!

Una ricetta semplice ma favolosa, anche qui le mitiche sorelle non si smentiscono! Pochi accorgimenti che faranno della vostra pizza un piatto prelibato e unico, gradiranno a bocca piena anche i vostri ospiti!

E' importante che il forno sia molto caldo per la cottura: 230/240°.
La pizza si cuoce in due tempi: prima la pasta col pomodoro, che si chiama “ciabatta”, poi si aggiungono le farciture, la mozzarella, l'olio e l'origano e si rimette in forno fino a che la mozzarella sarà ben fusa.
In questo modo si avrà la pasta cotta e la mozzarella morbida, altrimenti è facile avere la pasta con mozzarella morbida, oppure la pasta cotta e la mozzarella bruciata.
Questa “ciabatta”, una volta freddata, è perfetta per essere conservata in freezer: basterà poi scongelarla a temperatura ambiente, guarnirla con mozzarella, origano e olio, e portare a cottura.
Qualsiasi ingredienti si voglia usare per farcirla deve essere già cotto e pronto al momento di aggiungere la mozzarella.
Questa dose è sufficiente per una teglia da 30x40 e si mangia abbondantemente in 4/6 persone.
Viene alta un paio di centimetri, croccantella fuori e più morbida dentro.
Se si preferisce una pizza più bassa e ancora più croccante, dividere la pasta in due teglie più piccole, adattando la cottura di un paio di minuti in meno ogni ciclo (meglio tenere controllate le pizze in forno).

INGREDIENTI:

500g di farina 0 o 00
250g di acqua
50g di olio
25g di lievito di birra
10g di sale

una scatola di pelati grandi da 800g.
mozzarella di bufala o fiordilatte 500g.
basilico/origano/sale/pepe
olio extravergine di oliva

farciture extra a piacere
una teglia di 30x40, oppure due più piccole

A mano: fare la fontana, mettere al centro il lievito sbriciolato e scioglierlo con l'acqua, aggiungere l'olio, raccogliere un po' di farina, aggiungere il sale e impastare bene, battendo ogni tanto.
Nel Ken: sciogliere il lievito con l'acqua, aggiungere l'olio e un po' di farina e iniziare a impastare a vel. 2, aggiungere la farina a cucchiaiate, il sale e impastare per 10 minuti. Togliere dalla ciotola, dare una breve menata a mano battendo ogni tanto.
Nel Bimby: nel boccale mettere l'acqua e il lievito e amalgamare pochi secondi a vel.2 37/40°. Aggiungere l'olio e mescolare, aggiungere quindi la farina e il sale e impastare 1 min. E mezzo a vel.6, quindi 1 min. E mezzo Spiga. Togliere dal boccale, dare una breve menata a mano battendo ogni tanto.

- fare un filone, coprire a campana e lasciare lievitare 1 ora e mezza (se si usa poi una teglia rettangolare).
- fare una palla, coprire a campana e lasciare lievitare 1 ora e mezza (se si usa una teglia rotonda).

Nel frattempo mettere i pelati in un colapasta, spezzettarli un pochino e lasciarli sgocciolare bene.Tritare la mozzarella a coltello e metterla a scolare in un colapasta; se rimane troppo bagnata, ricordarsi di strizzarla bene prima di metterla sulla pizza.

Mettere un poco di olio al centro della teglia facendo una striscia, ma non distribuirlo per tutta la teglia altrimenti non si riuscirà poi a fissare più la pasta ai bordi (l'olio la farebbe scivolare via).

Una volta lievitata, prendere la pasta e senza lavorarla (altrimenti il glutine si risveglia, la pasta torna elasticissima e si farà più fatica a tirarla) appiattirla col matterello e adagiarla sulla teglia, ricoprendola bene e tirandola ai bordi, schiacciando con le mani e le dita.

Salare e pepare i pelati a piacere e distribuirli sulla pasta: molto importante lasciare degli spazi aperti, e formare con la punta delle dita degli avvallamenti, i famosi “camini”, attraverso i quali uscirà il vapore che farà il pomodoro in cottura e la pasta si cuocerà meglio.
Metterla quindi in forno già caldo per 7/8 minuti.

Quindi girarla davanti/dietro e cuocerla altri 7/8 minuti.
Poi ritirarla fuori, farcirla a piacere, coprirla con la mozzarella, l'origano, il basilico e un filo di olio e rimetterla in forno per altri 6/7 minuti
Appena esce dal forno aiutarsi con due palette e metterla subito su una grata, altrimenti fa condensa e la base si ammollisce
Farla riposare qualche minuto prima di tagliarla e servirla.

PIZZA ALTA
Stesse quantità della pizza e stesso impasto.
Dopo la lievitazione di 1 ora e mezza, riprendere l'impasto e lavorarlo per qualche minuto per eliminare tutti i gas, riformare il filone e rimettere a lievitare a campana per un'altra ora e mezza.
Quindi proseguire come da ricetta precedente lasciandola però lievitare nuovamente in teglia (col pomodoro sopra) per ancora 30 minuti.

17 commenti:

emilia ha detto...

La pizza la mangerei ogni ora. E' troppobuona, anche solo mozzarella e pomodoro. Brava Cindyssima, bacioni.

NIGHTFAIRY ha detto...

Ho la bavetta alla bocca..che meraviglia Cindy!bravissima..io la pizza la mangerei sempre, anche a colazione!
Buon weekend!

Aiuolik ha detto...

Il mio pizzaiolo mi ha promesso che questo we me la prepara!!!
Ciaooo,
Aiuolik

Simo ha detto...

Cindy, sei mitica...è talmente bella che si mangia con gli occhi!!!
Buona domenica
Kissssss
Simo

NIGHTFAIRY ha detto...

C'é un premio per te sul mio blog! :) bacio!

Cindystar ha detto...

Grazie, ragazze, e credetemi, questa pizza è favolosa!!!
In casa hanno commentato così:"...ti ci sono voluti 30 anni per imparare a fare una buona pizza..."...uomini ingrati, dico io...

Night, vado subito a vedere, bacio anche a te!

Lidia ha detto...

Cindy! ho seguito la ricetta alla lettera ma è venuta biscottosa! ho sbagliato ad impastare? (ho il bimby ma l'ho fatta a mano). ma per il bimby bastano davvero quei pochi minuti? grazie della risposta

Cindystar ha detto...

Ciao Lidia, secondo me ha influito la cottura, forse il tuo forno scalda più del dovuto (anche il mio faceva così, sballava anche di 40/50°, ho comperato un termometro a parte e ora cuocio meglio) e l'ha biscottata o forse era più bassina...col bimby si impasta per pochi minuti, ma poi si dà sempre una menata a mano e soprattutto si batte l'impasto sul tavolo, per farlo diventare morbido ed elastico.
Ti va di riprovare?...è davvero squisita!
Buona giornata!

Lidia ha detto...

Con i Tuoi consigli proverò nuovamente di certo! Ti farò sapere... Ciao e grazie per la Tua consueta disponibilità

Anonimo ha detto...

Ciao Cindy, da poco ho scoperto la lievitazione naturale e vorrei realizzare anche la pizza: esiste una versione data dalle Sorelle Simili utilizzando il lievito madre per la pizza?
Luciana

Cindystar ha detto...

Ciao Luciana,
scusa il ritardo.
Non ho propriamente la ricetta delle Simili per la pizza col lievito madre,avevo provato a farla io a naso.
Ma appena tornano dalle vacanze me la farò dare e ti riferirò meglio!
Buone vacanze anche a te!

patty53 ha detto...

Ciao Cindystar, Ho provato a fare la pizza con il lievito madre, pensi che andrà bene????
Questa è la dose che ho fatto:500 MP 700 farina 600 acqua.....Che ne pensi?????
Grazie della tua disponibilità!!!!!

Cindystar ha detto...

Può andare bene come proporzioni, non aver paura anche se c'è pasta madre in più perchè alla fine è come fosse già impasto. E per l'acqua ppoi vedi impastando quanta ne occorre effettivamente.
Fammi sapere come è venuta, buona giornata....anche se piove!

patty53 ha detto...

Ciao Cindystar,facendo continuamente rinfreschi....mi sono ritrovata tanta pasta così ne ho regalata metà alla mia vicina che è rimasta entusiasta.
La mia metà ne ho preparato un inpasto per la pizza, fatto lievitare,poi rimpastato e divisa in due parti,non avendo tempo l'ho congelate.
Il giorno dopo l'ho scongelata,poi l'ho stesa.......non mi è venuta bene,
Forse la dovevo rimpastare farla rilievitare e poi stenderla.
E un piacere scambiarsi idee e opinioni con una persona disponibile come te!!!Un Abbraccio!!!

Cindystar ha detto...

sai, Patty, io non sono molto amante degli impasti congelati, non mi ci trovo bene, come per il lievito, ho già preso fregature antipatiche.
Secondo me avresti dovuto farla rilievitare, anche perchè con la p.m. (che ha tempi molto lunghi) è quasi difficile che collassi dalla lievitazione.
Un abbraccione anche a te!

frenci ha detto...

cara Cindy, ho appena finito di gustare l'ultimo boccone di questa che potrei definire "la pizza perfetta", per quelli che sono i gusti della mia famiglia...la gradiamo infatti alta e morbida, ma quante volte la pasta non si è cotta a sufficienza o, più spesso, gli ingredienti della farcitura si sono rinsecchiti? ho seguito il procedimento alla lettera, rispetto a te ho solo usato molto meno pomodoro e questo di sicuro ha ulteriormente facilitato la stupenda cottura della pasta... inutile dire che la copertura ai quattro formaggi si è sciolta al punto giusto e... mmmhhh, bontà delle bontà... complimenti e grazie anche da parte di mio marito, ciao cinzia a presto!

Cindystar ha detto...

Anche a me piace molto questa pizza, cara Frenci, e gli accorgimenti delle Simili sono preziosissimi.
Un caro ssaluto a tutti voi!

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007