5 marzo 2013

Budino (coppetta) di mele e uvetta - Apple and Raising Pudding - WHB # 374


Il primo dolce vegan e senza zucchero assaggiato a Cascina Rosa  (e probabilmente anche il primo in vita mia :-), preparato dallo chef  Giovanni Allegro.
Riproposto a casa non ha trovato lo stesso apprezzamento di cui ha goduto al corso, ma sapevo già in partenza che sarebbe stata una prova difficile: in effetti non è dolce nel comune senso della parola (se si intende quel tipo di dolcezza data dallo zucchero, bianco o grezzo che sia), ma da qui a bocciarlo completamente ci passa un mare di elucubrazioni sull'interpretazione di dolcezza.
Fatto assaggiare ad altre persone è piaciuto, magari non è propiamente giusto chiamarlo budino (che si associa forse ad una preparazione più dolciastra) ma composta mi dava l'idea della semplice mela cotta da ospedale :-).
E forse l'aver omesso l'uvetta (che qua è sempre guardata con più ostilità che piacere) è stato un pochino controproducente per la sensazione dolce.

Una ricetta che risulta salutare anche per chi deve seguire una dieta speciale, come nel caso dell'endometriosi, della quale si sta celebrando proprio la settimana europea della consapevolezza in questi giorni.

La dose intera della ricetta è abbastanza abbondante, per circa 8/10 coppette.


 budino di mele


Ingredienti:

1 litro di succo di mela
3 mele, sbucciate e tagliate a dadini
1 manciata di uvetta, ammollata e strizzata
2 cucchiai di tahin
4 cucchiai di agar-agar in fiocchi
1 cucchiaio di kuzu, sciolto in un goccio di acqua fredda
1 cucchiaino di vaniglia liquida
un pizzico di sale
8/10 frollini al riso/avena/farro senza zucchero *
granella di nocciole/mandorle per guarnire

* scegliere il cereale permesso dalla dieta


 budino di mele



In una pentola scaldare il succo di mela con il sale, la vaniglia e l'agar-agar.
Quando l'agar-agar è ben sciolto, aggiungere il tahin e l'uvetta e mescolare.
Aggiungere le mele e il kuzu, far riprendere il bollore e cuocere ancora uno o due minuti, sempre mescolando. Togliere dal fuoco e far intiepidire leggermente.
Mettere un biscotto in ogni coppetta e delicatamente versare il composto in ognuna. Lasciare raffreddare e poi conservare in frigo.
Al momento di servire guarnire con la granella di nocciole.




Apple and Raisin Pudding


Probably the first vegan and sugar-free dessert I have ever tasted in my life, prepared by chef Giovanni Allegro at Cascina Rosa, the cooking school about preventive and adjuvant food nutrition of Istituto dei Tumori (Oncological Institute), mostly give help and support to people living with the desease but also to teach how to prevent starting from food.
When I did it at home I knew it was going to be a difficult test for my family: in fact it is not that sort of sweet we are used to (that kind of sugar sweetness, whatever it is, caster or cane), but I was pretty shocked they all refused it.
Maybe we should not call it pudding (that recalls a more sweetish preparation) but as for compote it gave me the idea of traditional baked apple you eat in hospital (at least her in Italy:-).
I have omitted raisins (which here is always looked at with more hostility than pleasure) and perhaps it has contributed to the lack of sweeter sensation.

Full recipe is pretty abudant, about 8/10 cups.


budino di mele


1 liter organic Apple Juice
3 apples, peeled and cut into cubes
1 handful of raisins, soaked and squeezed
2 tablespoons tahini
4 tablespoons agar-agar flakes
1 tablespoon kuzu, dissolved in a dash of cold water
1 teaspoon liquid vanilla extract
pinch of salt
8/10  sugar-free rice/oat/spelt cookies *
finely chopped hazelnuts/almonds for garnish

* according to your diet


Heat apple juice in a saucepan with salt, vanilla and agar-agar.
When agar-agar is dissolved, add tahini and raisins and mix.
Add apples and kuzu, bring to a boil and cook a minute or two, stirring constantly. Remove from heat and let cool slightly.
Place a cookie in each cup and gently pour the mixture into each. Allow to cool and then store in the fridge.
Just before serving garnish with chopped hazelnuts.









whb7
This recipe is my personal entry to WHB # 374
hosted by Simona from Briciole
both for English and Italian edition.
Thanks again to Haalo who manages greatfully all events,
to Bri for Italian edition.
Thanks again to Kalyn for her successfull idea!

2 commenti:

Simona ha detto...

Funny you mention baked apples in hospital: that's where I learned to love them. When I was in nursing school, I did a rotation in a ward where the kitchen made excellent food, in particular, delicious baked apples. Grazie per il contributo! E ti direi: non mollare. Il gusto pian piano si adatta ad una dolcezza diversa.

Cindystar ha detto...

Grazie, Simona, ma mi sembra di combattere una battaglia contro i Titani ... quasi quasi dovrei adottare delle astuzie come Davide contro Golia :-)
Grazie ancora per l'ospitaliotà e al prossimo WHB!

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007