31 maggio 2013

Confettura di fragole senza zucchero, secondo esperimento ... eureka!


English recipe here

Sono proprio contenta e ultrasoddisfatta! :-)
Dopo il primo esperimento fragoloso senza zucchero (ma con aggiunta di pectina leggermente zuccherata) ci ho voluto riprovare, vietandomi ogni possibile contaminazione illecita.
Ho attuato allora un piccolo stratagemma che avevo imparato anni fa (ma perchè non ci ho pensato subito? :-) per un'altra confettura di fragole, che mi ha aiutato nella gelificazione naturale senza bisogno di aggiungere polverine equivoche o alghe misteriose con cui devo ancora fare profonda amicizia.
Ed ecco che in mezzora di orologio si riuscirà a riempire tre vasetti di profumata e consistente marmellata rossamente fragolosa, questa volta aromatizzata con un pizzico di fiori secchi di sambuco (che sono riuscita a seccare in questi giorni approfittando delle schiarite di sole tra un temporale e l'altro :-).
Per chi la volesse ancora più dolce (tipo i miei familiari che mi guardano straniti e mi prendono per aliena quando produco poco dolce) basterà aumentare la dose di malto, ma credetemi sulla parola, anzi sulla foto, è buona così.

confettura fragole senza zucchero


Per tre vasetti medio/piccoli:

800 g di fragole mondate e pulite
il succo di mezzo limone 
250/300 g di malto di riso
80 g di succo di mela bio
2 o 3 pizzichi di fiori di sambuco secchi, facoltativi
 

 confettura fragole senza zucchero

Tagliare le fragole a metà, sistemarle in una bacinella, ricoprirle col malto di riso e lasciarle macerare coperte fino all'indomani, meglio in frigo dopo un paio di ore a temperatura ambiente.
Trasferire in una padella bassa e larga (o nel wok), aggiungere il succo di limone e di mela e portare a bollore.
Bollire a fiamma vivace per 5 minuti, quindi scolare le fragole con un mestolo forato e metterle in un colino a maglie strette sopra una bacinella per recuperare il succo che perdono (che andrà mano a mano rimesso in padella).
Lasciare sobbollire a fiamma vivace il succo finchè si riduce a circa metà/un terzo, si vede che è pronto perchè cambiano le bolle e la consistenza del succo è sciropposa (ci vorrà circa 15 minuti).
Rimettere le fragole in pentola, cuocere un paio di minuti, togliere dal fuoco, aggiungere i fiori di sambuco e dare una bella mescolata: la marmellata è pronta per essere invasata!
Libertà di scelta se sterilizzare i vasetti a bagnomaria o chiuderli e metterli capovolti fino a completo raffreddamento (in questo caso i vasetti devono essere prima sterilizzati in forno a 100° per almeno un'ora).

Consigli preziosi per la buona riuscita di conserve dolci (e anche non) qui.


 confettura fragole senza zucchero


La ricetta va a Nicole di  Ricetteveg per la raccolta fragolosa di Salutiamoci.




7 commenti:

ricetteveg.com ha detto...

Da provare! Inserita al volo nei link!

simona resega ha detto...

Ma dove si compra il malto di riso ?

Cindystar ha detto...

Nicole, grazie! :-)

Simona, da NaturaSì, nei negozi di alimenti naturali e bio, nelle erboristerie ;-)

Araba Felice ha detto...

Voglio provarci, sembra meravigliosa!

Cindystar ha detto...

Stefi, mi piacerebbe sapere la tua impressione, magari prova con una quantità piccola ;-)

Simona ha detto...

Solo di recente ho provato ad usare un tipo di pectina per fare una conserva di prugne e devo dire che sono rimasta soddisfatta. La tua confettura di fragole ha un bel colore invitante.

Cindystar ha detto...

Simona, non ho niente contro la pectina, e la usavo anche io.
Ma ora ho cambiato registro, e vedo ce riesco a fare buone confetture anche senza, quindi ... less is more! :-)

Posta un commento

grazie della visita e gentilmente firma sempre i tuoi commenti!
thanks for passing by and please sign up your comments!

Template Design | Elque 2007